Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAmbiente › Ex campo rom: la trasformazione continua
Red 20 novembre 2018
Procede spedito il precorso di trasformazione del sito dell’Arenosu ad Alghero. Al via la gara telematica bandita dalla Centrale unica di committenza per un importo di 101.787,90euro per lo sfalcio integrale della superficie per consentire l’individuazione completa di tutti i rifiuti
Ex campo rom: la trasformazione continua


ALGHERO - Un parco nell’ex campo rom di Alghero. Procede spedito il precorso di trasformazione del sito dell’Arenosu. Alle operazioni di caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica dell'area in corso da circa un mese, l’Amministrazione comunale ha programmato i lavori relativi alla cernita, raccolta, carico, trasporto ed avvio a smaltimento/recupero dei rifiuti presenti. Al via la gara telematica bandita dalla Centrale unica di committenza per un importo di 101.787,90euro per lo sfalcio integrale della superficie per consentire l’individuazione completa di tutti i rifiuti.

I lavori prevedono la successiva cernita sia nell’ex campo, sia nelle strade ad esso contermini con individuazione delle macrocategorie presenti e raccolta dei rifiuti per categorie omogenee, eventuale attività di campionamento ed analisi, trasporto e smaltimento dei verso impianto di recupero/smaltimento debitamente autorizzati. Si tratta di un ulteriore step verso il completo cambio di volto dell’ex campo nomadi dove nel corso di decenni in passato si sono svolte svariate attività artigianali e di diverso genere, che hanno comportato l’accumulo ed il trattamento di abbondanti rifiuti, senza l’utilizzo di alcun presidio di natura ambientale. Non di rado, si sono inoltre verificati incendi di diversa natura che hanno interessato grandi quantità di rifiuti, aggravando le condizioni generali dell'area, risultata fortemente inquinata.

Tutto questo fino al 2015, quando l'Amministrazione comunale guidata dal sindaco Mario Bruno ha deciso (tra le prime in Italia) la chiusura del campo, offrendo alle famiglie ed alle decine di bambini che li abitavano nonostante i gravi rischi, un nuovo futuro d'integrazione. Dall'analisi del rischio sul sito effettuata dal Comune di Alghero, è infatti emersa la presenza di sostanze cancerogene, con la necessità di completare la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti solidi e liquidi ancora giacenti secondo le norme vigenti. Ultimate tutte le operazioni di sgombero così, il Comune seppure non proprietario dell’area, ha richiesto e reperito le risorse per il completamento dell’intervento: la Regione autonoma della Sardegna, accolte le istanze della Giunta Bruno, ha assegnato un importo complessivo pari ad un milione di euro a valere sul Fondo Fsc–Patto per la Sardegna 2014–2020, consentendo, di fatto, l'avvio degli interventi.

Dal degrado del passato nasce così, passo dopo passo, alle porte di Fertilia un parco attrezzato, fruibile dalle famiglie ed aperto a tutti. Da simbolo del degrado ambientale e sociale, a luogo di socializzazione e svago. Il termine di presentazione delle offerte è fissato per mercoledì 12 dicembre, alle 13 e la prima seduta pubblica è fissata per giovedì 13 dicembre, alle 10. Si informa che, trattandosi di gara telematica, la medesima sarà gestita con l'applicativo Portale Appalti.
Commenti
20/10/2019
L´immobilismo della Giunta Conoci inizia a determinare gravi e pesanti ripercussioni nei quartieri algheresi. L´appello della Civica "Per Alghero": sul parco Don Poddighe andare avanti, è un progetto concordato, condiviso e definito con il Comitato di Quartiere
21/10/2019
Questa mattina, si è svolto un incontro tra Legambiente Sardegna con il presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas per illustrare il documento scaturito dalla conferenza del 7 ottobre, che ha visto la partecipazione di numerosi esperti
22/10/2019
E’ stata firmato ieri mattina il decreto per l’istituzione del monumento naturale “Arco e Punta Sa Berrita-Supràppare”, sito geologico costituito da due unità nel massiccio del Monte Limbara: un arco di roccia e la punta Sa Berrita, nota anche come Rocca manna Supràppare
© 2000-2019 Mediatica sas