Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresPoliticaServizi › Dormitorio: servizio assegnato all´associazione Mirade
Mariangela Pala 1 gennaio 2019
L´associazione Mirade,con sede a Porto Torres grazie al progetto del “Dormitorio formativo” si è aggiudicata l´attività di gestione del riparo notturno insieme all´associazione Zoe
Dormitorio: servizio assegnato all´associazione Mirade


PORTO TORRES - Il Comune di Porto Torres ha individuato l'associazione che gestirà il servizio di riparo notturno. Si tratta dell'associazione Mirade, con sede a Porto Torres che grazie al progetto del “Dormitorio formativo” si è aggiudicata l'attività insieme all'associazione Zoe.
Il servizio del dormitorio sarà realizzato nei locali dell'ex hotel Torres e servirà per dare riparo alle persone senza fissa dimora.

Il progetto presentato dall'associazione prevede la durata di un anno, i posti letto disponibili saranno dodici. Due le modalità di accesso previste: quella giornaliera e quella mensile. Nel primo caso gli utenti potranno accedere alla struttura durante l'orario serale di apertura e lasciarla entro la prima mattina, seguendo quanto previsto dal regolamento interno. Nel secondo caso, invece, le persone potranno permanere nella struttura anche per un mese, ma impegnandosi per svolgere attività di volontariato e iniziando contemporaneamente un percorso formativo, con l'obiettivo di ritrovare un pieno reinserimento sociale.

Il servizio inizierà al massimo entro trenta giorni dal momento della stipula della convenzione tra il Comune e l'associazione. «Ho auspicato ed espressamente richiesto la massima celerità ai nostri uffici – commenta l'assessore alle Politiche sociali Rosella Nuvoli – il servizio comunale di riparo notturno è fondamentale per il nostro territorio e per dare risposte alle tante persone che anche solo per una notte non sanno dove andare a dormire».
14/8/2019
«La Sardegna sarà fra le prime Regioni in Italia a superare l’incompatibilità tra il Reddito di cittadinanza e le misure regionali di inclusione sociale», dichiara l’assessore regionale della Sanità e assistenza sociale Mario Nieddu
© 2000-2019 Mediatica sas