Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaAgricoltura › Latte, la Regione chiede responsabilità
Red 11 febbraio 2019
Il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru e l´assessore regionale dell´Agricoltura Pier Luigi Caria si appellano alla responsabilità di tutti: «non abbandonate il tavolo. Non lasciamo da soli i pastori»
Latte, la Regione chiede responsabilità


CAGLIARI - «Ci appelliamo al senso di responsabilità di tutti i portatori di interesse del comparto ovicaprino, convocati attorno a un tavolo dalla Regione per trovare una giusta soluzione alla crisi del prezzo del latte, affinché non si abbandoni la trattativa». Così il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru e l’assessore regionale dell’Agricoltura Pier Luigi Caria.

«Non lasciate il tavolo – hanno aggiunto - fatelo per le decine di migliaia di famiglie che attendono le dovute risposte su un prezzo del latte inaccettabile. Mettete e mettiamo tutti da parte i colori e le appartenenze, non lasciamo che le giuste istanze e le proteste degenerino in atti di violenza, guardiamo al raggiungimento di un obiettivo che deve portare a far aumentare nell'immediato il prezzo del latte pagato ai pastori, e a basarlo da ora in poi su parametri tecnico economici capaci di ridurre l'incertezza in cui vivono i produttori primari».

«Non perdiamo questa occasione storica – hanno concluso Pigliaru e Caria – che permetterà per il futuro, attraverso il resto del documento d’intesa già condiviso da tutti, di governare questo settore che merita rispetto e riconoscimento della propria dignità di comparto produttivo trainante per la Sardegna».

Nella foto: l'assessore regionale Pier Luigi Caria
Commenti
15/8/2019
Lo denuncia Tore Piana che chiede «urgentemente alla Regione Sardegna e al Suo Presidente di chiedere con forza al Governo Nazionale il riconoscimento dei benefici fiscali e di costi dovuti all’insularità»
15/8/2019
Anche quest’anno, in linea con i dati nazionali, l’offerta agrituristica sarda conferma per Ferragosto il segno più nelle presenze, a conferma che i vacanzieri sono sempre più attenti al cibo locale, autentico, distintivo
© 2000-2019 Mediatica sas