Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariCronacaPesca › Ricci e ostriche: maxi sequestro a Cagliari
S.O. 9 marzo 2019
Le sanzioni amministrative complessivamente comminate, in queste ultime circostanze, ai rispettivi commercianti abusivi variano tra euro 6.000,00 e 36.000,00 euro
Ricci e ostriche: maxi sequestro a Cagliari


CAGLIARI - Le Fiamme Gialle della Stazione Navale di Cagliari, nell’ambito di un’operazione volta alla tutela della salute dei consumatori e dell’ambiente marino, coordinata dal Reparto Operativo Aeronavale di Cagliari su tutto il territorio regionale, hanno sventato l’ennesimo atto di bracconaggio lungo la fascia costiera del cagliaritano. Nel corso di un pattugliamento, in mare, alle prime luci dell’alba, i militari hanno notato la presenza di due subacquei intenti a pescare nelle acque prospicienti la località Porto Canale considerata, per la vigente normativa del settore, zona vietata per detta attività.

Vano il tentativo dei pescatori di frodo colti in flagranza di darsi alla fuga poiché sono prontamente fermati dall’equipaggio dell’unità navale della Guardia di Finanza. L’intero pescato, costituito da tre ceste stracolme di ricci di mare per un totale di oltre millecinquecento esemplari, poiché ancora allo stato vitale, è stato rigettato in mare.
A quelli che, a seguito controlli, sono risultati essere dei pescatori professionali è stata contestata la pesca in zona vietata che prevede una sanzione amministrativa, per ciascuno di essi, tra i 2.000,00 e i 12.000,00 euro oltre al sequestro dell’intera attrezzatura subacquea utilizzata per l’azione illecita.

Le attività d’indagine condotte anche sulla terra ferma, hanno altresì consentito di addivenire, nei quartieri Poetto ed Is Mirrionis oltre che all’interno del mercato di Sant’Avendrace, al sequestro di oltre 7 Kg. di polpa di riccio già racchiusa in più di 150 vasetti confezionati senza la minima garanzia della tracciabilità del prodotto, di ulteriori cinquemila ricci sotto taglia e di 10 Kg di ostriche in scarse condizioni igenico-sanitarie. L’intero prodotto ittico rinvenuto è stato dichiarato non idoneo al consumo umano e, di conseguenza, destinato alla distruzione. Otto complessivamente i soggetti verbalizzati. Le sanzioni amministrative complessivamente comminate, in queste ultime circostanze, ai rispettivi commercianti abusivi variano tra euro 6.000,00 e 36.000,00 euro.
Commenti
© 2000-2019 Mediatica sas