Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAmbiente › Patrimonio geologico: tavolo tecnico a Roma
Red 16 aprile 2019
«Per la salvaguardia dei beni ambientali c’è una totale carenza di leggi nazionali», dichiarano le deputate del Movimento 5 stelle Paola Deiana e Patrizia Terzoni. Occhi puntati anche sul patrimonio speleologico e geominerario
Patrimonio geologico: tavolo tecnico a Roma


ALGHERO - Sabato, a Roma, si è tenuto un tavolo tecnico, voluto dalla Società speleologica italiana, con le deputate del Movimento 5 stelle Paola Deiana e Patrizia Terzoni, per illustrare il disegno di legge, da loro presentato e firmato dai colleghi pentastellati, sulla tutela, valorizzazione e gestione del patrimonio geologico, speleologico e geominerario. Presenti alla riunione anche i referenti del Club alpino italiano e delle Federazioni speleologiche regionali. La proposta di legge stabilisce criteri e principi per la tutela, la valorizzazione, l’individuazione, la classificazione, il monitoraggio e la gestione, anche a fini turistici, di tali siti e prevede l’istituzione della rete dei parchi geominerari.

«Secondo l’articolo 117 della Costituzione, la tutela dei beni ambientali è prerogativa dello Stato, ma per quanto riguarda questi siti, che non sono solo beni ambientali, ma veri e propri monumenti naturali, si ha una totale carenza di leggi nazionali. A nostro avviso – sottolineano Deiana e Terzoni - questo rappresenta una lacuna che deve essere colmata considerato che il territorio italiano è particolarmente ricco di questo tipo di formazioni». La proposta di legge «non intende sovrapporsi al lavoro svolto dalle Regioni e dalle associazioni, ma – spiegano le deputate - armonizzare le diverse normative regionali prevedendo strumenti che possono essere applicati e replicati in tutto il territorio nazionale e stabilendo criteri condivisi e omogenei per il riconoscimento e la classificazione dei geositi ipogei e del patrimonio speleologico. Una particolare attenzione è rivolta alla tutela di questi meravigliosi luoghi e all’istituzione di un catasto nazionale condiviso».

«Per portare a termine questo grande progetto – concludono le due parlamentari - a nostro avviso è necessaria una legge quadro nazionale, che detti le linee guida e che copra a 360gradi il lavoro già svolto, che riunisca le diverse normative regionali garantendo criteri di qualità e di classificazione scientifica omogenei e che sia in grado di assicurare la tutela ambientale degli ecosistemi interessati. È stato un incontro molto costruttivo – hanno concluso Paola Deiana e Patrizia Terzoni - Sono stati affrontati punti dirimenti e siamo aperte a eventuali modifiche sulla scorta dei pareri degli esperti che abbiamo sentito».

Nella foto: l'onorevole Paola Deiana
Commenti
17/9/2019
Rimessa interamente in ordine in questi giorni la strada di Alghero che dalla Statale 127 bis conduce al quartiere del Carmine. Via che, nel tempo, è stata oggetto di abbandono selvaggio di rifiuti tra cui ingombranti ed una gran quantità di indumenti usati
17/9/2019
Il presidente della Regione autonoma della Sardegna, Christian Solinas, ha presentato i bandi rivolti a Pmi ed Enti locali per la mobilità elettrica. Dotazione finanziaria di 18,5milioni di euro
18/9/2019
Con una lettera trasmessa al Presidente vicario dell’Ente Parco, l’Amministratore della Provincia fa sapere di condividere pienamente il progetto di un Tavolo permanente di lavoro, partecipato da tutte le istituzioni del territorio, con l’obiettivo finale di giungere a soluzioni di sistema per le problematiche dell’isola Parco
© 2000-2019 Mediatica sas