Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresCulturaRiti › Folla di fedeli accompagnano i Santi Martiri
Mariangela Pala 4 maggio 2019
È cominciata ieri 3 maggio la festa religiosa più importante per la comunità portotorrese con la messa all’interno della Basilica di San Gavino e la processione dei tre Protomartiri Turritani
Folla di fedeli accompagnano i Santi Martiri


PORTO TORRES - È cominciata ieri 3 maggio la festa religiosa più importante per la comunità portotorrese con la messa all’interno della Basilica di San Gavino e la processione dei tre Protomartiri Turritani Gavino, Proto e Gianuario verso la chiesetta di Balai vicino. I fedeli di tutta l’isola potranno iniziare il pellegrinaggio verso il sepolcro dei santi fino alla sera di Pentecoste. Una fiumana di gente si è ritrovata nella chiesa romanica per ascoltare la messa celebrata da don Mario Tanca. Una immensa folla di fedeli hanno accompagnato i simulacri lignei seicenteschi dei tre Martiri verso l’ipogeo della chiesetta di San Gavino a Mare dove ci sono tre ambienti ricavati nella roccia utilizzati come sepolcri in epoca romana.

I fedeli della comunità parrocchiale e molti altri provenienti da Sassari e da altri centri urbani vicini, insieme ai rappresentanti del clero, ai comitati di bandiera e alle associazioni culturali, non sono voluti mancare a manifestare la loro devozione verso i tre Santi. A seguire la processione anche la banda Amici della Musica di Sassari e le autorità civili e militari. Nella chiesetta di Balai Vicino da questa mattina è iniziato il pellegrinaggio dei devoti provenienti dall’intera diocesi, con momenti di preghiera dal lunedì al venerdì alle 7 e alle 17.30, mentre il sabato e la domenica le funzioni inizieranno alle 10.30 con i sacerdoti missionari della diocesi che si alterneranno.

Il culto di San Gavino è il più antico dell’isola, risalente all’inizio del IV secolo, e negli anni si è consolidato attraverso la devozione di fedeli di altre regioni nei confronti dei Protomartiri. Oltre che in Sardegna, infatti, il culto è molto forte nella vicina Corsica, dove ci sono cinque paesi che portano il suo nome. Gavino era morto decapitato il 25 ottobre 303, al tempo della persecuzione contro i cristiani dell’imperatore Diocleziano, mentre Proto e Gianuario ebbero stessa sorte il 27 ottobre.

Che Gavino fosse un soldato, Proto un sacerdote e Gianuario un diacono, secondo il ‘Martirologio Geronimiano’ del VI secolo, un autore anonimo deve averlo dedotto da altre antiche fonti oppure da tradizione orale tramandata localmente. Molte le testimonianze storiche parlano della bontà e del sacrificio dei tre Martiri Turritani, a cui la comunità s’aggrappa letteralmente in un momento di grave crisi economica, sociale e anche spirituale.

* foto di Angelo Dedola
© 2000-2019 Mediatica sas