Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizienuoroPoliticaLavoro › Inaugurato il Centro per l’impiego di Siniscola
Red 8 giugno 2019
È stato inaugurato ieri il nuovo Cpi, trasferito nei nuovi locali in Via Funedda. Il taglio del nastro è avvenuto al termine del convegno organizzato dall’Osservatorio del mercato del lavoro dell’Aspal, nei locali della Biblioteca comunale, durante il quale sono intervenuti l’assessore regionale del Lavoro Alessandra Zedda, il direttore dell’Aspal Massimo Temussi ed il sindaco di Siniscola Gian Luigi Farris
Inaugurato il Centro per l’impiego di Siniscola


SINISCOLA – È stato inaugurato ieri (venerdì) il nuovo Centro per l’impiego di Siniscola, trasferito nei nuovi locali in Via Funedda (ex Via Mameli). Il taglio del nastro è avvenuto al termine del convegno organizzato dall’Osservatorio del mercato del lavoro dell’Aspal, nei locali della Biblioteca comunale, sul tema “Andamento del mercato del lavoro in Sardegna, focus sull’area delle Baronie”, durante il quale sono intervenuti l’assessore regionale del Lavoro Alessandra Zedda, il direttore dell’Aspal Massimo Temussi ed il sindaco di Siniscola Gian Luigi Farris. L’incontro è stato un momento di riflessione e confronto con il territorio sulle politiche attive del lavoro e sulle nuove opportunità per i cittadini e le imprese.

«L’apertura della sede di Siniscola - ha affermato Zedda - rientra nella politica dei nuovi Cpi. La nostra mission è quella di andare verso i lavoratori e verso le imprese per facilitare l'incontro tra la domanda e l’offerta. Abbiamo fatto una scelta precisa: qualificare ulteriormente i servizi per il lavoro rivolti ai cittadini e alle imprese, attraverso un’integrazione tra pubblico e privato. Siamo impegnati per offrire locali più funzionali ed accoglienti all'utenza e agli operatori, in modo da garantire livelli più elevati di prestazioni». L’attività dei nuovi Centri per l’impiego sarà più radicata nel territorio, come dimostra la partecipazione degli amministratori locali al convegno, e sarà sempre più orientata verso le imprese, motore dell’economia. La grande novità è la presenza di spazi dedicati ai servizi specialistici: orientamento, autoimpiego, servizi all’impresa ed inclusione sociale.

Con il servizio “creazione di impresa”, gli utenti saranno orientati nella fase di elaborazione dell’idea imprenditoriale e supportati nello studio di fattibilità del progetto aziendale, tenendo conto delle condizioni di mercato. Riceveranno le informazioni necessarie per la redazione del business plan e l’accesso ai bandi ed alle opportunità di finanziamento. Un altro servizio importante è quello di sostegno alle imprese, curato dai job account, nuove figure commerciali selezionate dall’Aspal. Il loro compito è quello di agevolare le aziende nella preselezione del personale in maniera rapida e gratuita, fornendo indicazioni utili per l’attivazione dei tirocini e l'assistenza per l’accesso agli incentivi occupazionali. L’inclusione socio-lavorativa è un’altra delle priorità dei Centri per l'impiego. Il servizio “inclusione” offre agli utenti informazioni per accedere ai progetti ed alle opportunità rivolte alle fasce più deboli. Gli operatori cureranno il collocamento mirato delle persone iscritte alle liste della legge 68/69 sulle categorie protette, agevolando gli enti e le aziende che devono garantire la copertura delle quote obbligatorie.

Nella foto: un momento dell'incontro
Commenti
23:14
Domenica, in ogni spiaggia dove c’è uno stabilimento che aderisce al Sindacato italiano balneari, si terranno numerose iniziative per sensibilizzare l’opinione pubblica ed evidenziare il ruolo e la funzione della balneazione attrezzata italiana
21/8/2019
Ieri, l’assessore regionale della Sanità Mario Nieddu, sottolineando «troppi limiti a pagamento diretto, nessun beneficio ai dipendenti», è intervenuto sulla vertenza Aias, a seguito dell’impegno preso con lavoratori e sindacati
21/8/2019
Lo chiarisce l’assessore regionale dell’Agricoltura Gabriella Murgia, che precisa: «L’annullamento parziale del Piano di organizzazione variabile del Consorzio deriva esclusivamente dalla necessità di garantire la corretta applicazione della legge regionale»
© 2000-2019 Mediatica sas