Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaSicurezza › Ambiente e sicurezza: «spendere i fondi»
Red 13 luglio 2019
«Garantire la celerità nella spendita dei fondi per la mitigazione del rischio idraulico e idrogeologico» è una priorità per l´assessore regionale della Difesa dell´ambiente Gianni Lampis
Ambiente e sicurezza: «spendere i fondi»


CAGLIARI - «Abbiamo rappresentato il cronico problema delle strutture commissariali di Protezione civile, che patiscono la carenza del personale necessario a garantire celerità nella spendita dei fondi destinati principalmente alla mitigazione del rischio idraulico e idrogeologico». Lo ha sottolineato l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente, Gianni Lampis, coordinatore della Commissione Ambiente della Conferenza delle Regioni, al termine della riunione della cabina di regia di “Strategia Italia”, organo di raccordo politico, strategico e funzionale dell’azione del Governo, svoltasi giovedì mattina a Palazzo Chigi e finalizzata prioritariamente al rilancio ed all’accelerazione degli investimenti pubblici a sostegno della crescita e dello sviluppo economico.

»Questi interventi – ha aggiunto l’esponente della Giunta Solinas - rappresentano presidi di garanzia per la difesa e la tutela del patrimonio ambientale e paesaggistico anche della Sardegna». Il presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte, presente alla riunione con alcuni ministri, ha raccolto l’invito della Conferenza delle Regioni e del capo della Protezione civile Angelo Borrelli, aggiornando l’incontro a mercoledì 17 luglio.

Nella foto: Giuseppe Conte
Commenti
24/8/2019
La Regione autonoma della Sardegna promuoverà la formazione professionale per i detenuti delle colonie penali sarde. A Mamone, Is Arenas ed Isili, i detenuti potranno frequentare corsi di formazione che consentiranno loro di accedere più facilmente al mondo del lavoro una volta scontata la pena
23/8/2019
Nei giorni scorsi, i Sommozzatori della Questura di Sassari, di stanza ad Olbia, hanno rinvenuto due ordigni bellici nei pressi dell’isola, uno di 37 e l’altro di 55centimetri, le cui origini, causa le condizioni di deterioramento, non sono state appurate
© 2000-2019 Mediatica sas