Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaEconomiaAeroporto › Via da Girona, Ryanair punta a Barcellona centro
C.S. 21 novembre 2009
Sembra che la compagnia aerea Ryanair punti dritta all’aeroporto centrale di Barcellona, El Prat, dove al momento non possiede slot per atterraggi e partenze. Solo rumors, che nessuno conferma ma nemmeno smentisce
Via da Girona, Ryanair punta a Barcellona centro


ALGHERO - Movimento nei cieli sopra Barcellona. A causarlo sono nuovi rumors dall’accento irlandese. Sembra che la compagnia aerea Ryanair punti dritta all’aeroporto centrale di Barcellona, El Prat, dove al momento non possiede slot per atterraggi e partenze. Le prime ipotesi sull’arrivo della flotta low cost più grande al mondo nascono nel marzo 2009, quando fonti vicine alla compagnia hanno evidenziato la voglia di espandersi sino al capoluogo catalano.

Al momento Rayanair lavora con due aeroporti vicini a Barcellona: Girona e Reus. Tutto questo d’accordo con la filosofia che prevede l’utilizzo di scali a basso costo, generalmente al di fuori dell’area metropolitana delle grandi città. L’interesse di Ryanair nasce dalla rivoluzione vissuta in questi ultimi mesi dall’aeroporto El Prat. A partire dal 17 giugno è stata inaugurata una nuova ala, battezzata T1 (Terminal 1). Essa è andata a sostituire il T2 precedentemente attivo.

Praticamente tutte le compagnie che prima operavano nel T2 si sono così trasferite presso il T1, più nuovo e dotato di ogni confort e tecnologie, con la volontà di rendere il nuovo aeroporto uno dei più grandi d’Europa. Di contro, il T2 è rimasto sostanzialmente vuoto. Ad approfittarne è stata Easyjet, la quale è riuscita a raggiungere un accordo con la Aena (società che gestisce l’aeroporto) per avere l’uso dello spazio, divenendo l’unica compagnia ad usufruirne. Per la precisione, Easyjet dal 19 novembre 2009 (due giorni fa) ha l’esclusiva per il T2C, dunque la parte C del Terminal 2.

Ora Ryanair sembra decisa ad intervenire a gamba tesa sul “monopolio” di Easyjet andando all’assalto degli slot disponibili. La centralità dello spazio fa gola alla società irlandese che nel caso di insediamento avrebbe una nuova base nel cuore di una delle mete turistiche più importanti d’Europa. È proprio sull’incremento dei voli che fa leva l’amministratore di Ryanair per convincere l’Aena e le autorità locali. Dati alla mano, il T2, visto lo spostamento di tutte le compagnie aeree, continua a perdere passeggeri (nel 2008 ne ha persi 2,5 milioni, 8% di traffico in meno).

Ryanair potrebbe garantire un’inversione della tendenza. Un dato che renderebbe felici molti: città, gestori dell’aeroporto, passeggeri non più costretti a prendere bus-navetta, e Ryanair. Ma di certo influirebbe negativamente sul traffico passeggeri degli scali Girona e Reus. Addirittura, i rumors parlano di un eventuale trasloco totale dei voli Ryanair da Girona a Barcellona El Prat.

Ma si tratta appunto di rumors. Gli stessi che indicano come, per rendere possibile il trasloco, Ryanair abbia chiesto il 100% di sconto sulle tariffe aeroportuali. Richieste bizzarre, in linea con le trovate vulcaniche della compagnia irlandese. In cambio, O’Leary garantirebbe gli oltre 7 milioni di passeggeri che ogni anno transitano da Girona.
Al momento la Aena sembra aver giudicato inaccettabili le condizioni dettate dalla compagnia low cost. Si resta in attesa di un’evoluzione della vicenda e dei contatti, che nessuno conferma ma nemmeno smentisce.
Commenti
© 2000-2019 Mediatica sas