Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaElezioni › «Puc nel primo anno di Amministrazione»
Red 24 maggio 2019
E´ la promessa di Roberto Ferrara, candidato sindaco del Movimento 5 stelle Alghero, che mette la Pianificazione territoriale come primo punto del suo programma. «Il Puc è lo strumento cardine su cui ruota la programmazione urbanistica e quindi lo sviluppo socio economico del territorio», sottolinea il consigliere comunale uscente
«Puc nel primo anno di Amministrazione»


ALGHERO - «Il Puc nel primo anno di Amministrazione». E' la promessa di Roberto Ferrara, candidato sindaco del Movimento 5 stelle Alghero alle Elezioni amministrative di domenica 16 giugno, che mette la Pianificazione territoriale come primo punto del suo programma. Un programma concreto, che vuole migliorare la città e non un un libro dei sogni utile solo per essere presentato agli elettori e poi chiuso in un cassetto da non aprire per cinque anni.

«Il Piano urbanistico comunale è lo strumento cardine su cui ruota la programmazione urbanistica e quindi lo sviluppo socio economico del territorio. In fase di elaborazione ormai da vent'anni, il Puc di Alghero è preda di mille interessi che negli anni hanno portato a delle non scelte in materia di adeguamento alla normativa regionale. Motivo per cui le Amministrazioni succedutesi in questo lungo periodo di tempo non hanno mai trovato la forza di anteporre l’importanza di approvare un Puc in grado di pianificare la crescita della città con regole chiare e di lungo periodo, preferendo mantenere l’attuale situazione di forte discrezionalità - dichiara Ferrara, che sottolinea come - in questi ultimi anni, l’Amministrazione comunale di Alghero, evitando di dotarsi del Puc, ha preferito approfittare di un buco normativo del Piano paesaggistico regionale per favorire l’attività edificatoria all’interno del centro urbano (zone “B”), senza un progetto complessivo in grado di soddisfare standards (vedasi la carenza di parcheggi), impedendo di fatto la programmazione e lo sviluppo economico e sociale del territorio».

Le linee guida del MoVimento 5 Stelle Alghero in materia saranno improntate alla valorizzazione e salvaguardia ambientale e alla qualità della vita delle persone; la rigenerazione urbana delle aree marginali o degradate come strumento di inclusione sociale, la bioedilizia finalizzata all’efficientamento energetico degli edifici, il recupero dell’edificato esistente, come contrasto al consumo del suolo, la mobilità urbana sostenibile come risposta ai cambiamenti climatici e come fattore di modernizzazione della città. Così come possono rivestire un ruolo fondamentale nello sviluppo socio economico il sistema dei parchi extraurbani e le fasce pinetate, ovvero aree di particolare pregio ambientale nelle quali è necessario avviare progetti di tutela e salvaguardia ma anche di valorizzazione e controllo. Le attività sportive e ricreative in queste aree potrebbero essere un volano di sviluppo in chiave turistica e di servizi alla collettività.
Commenti
24/6/2019 video
Candidato con la Civica di Centrodestra "Noi con Alghero", Alfonso incassa la miseria di 16 preferenze e si sfoga con la città e la politica. «Ritorno alla mia vita ed alla mia arte» urla, non prima di aver rivolto gli auguri di buon lavoro al nuovo sindaco della città di Alghero, Mario Conoci, che Alfonso ha sostenuto con la sua candidatura.
17:52
Nessuna novità sui nomi dei componenti il nuovo Consiglio comunale di Alghero. A distanza di 8 giorni dal voto arriva finalmente la proclamazione ufficiale del nuovo sindaco Mario Conoci. Occhi già puntati sulle trattative per la composizione della Giunta
24/6/2019 video
Al microfono del Quotidiano di Alghero l´esperto leader Democratico fa una disanima approfondita della tornata elettorale algherese. Niente seggio per Enrico Daga dopo il sostegno alla ricandidatura del sindaco uscente, col Pd che incassa un magro bottino eleggendo il solo Mimmo Pirisi tra le file della minoranza consiliare. Le sue parole
22/6/2019
Aver raggiunto quasi il 7percento dei consensi è «un risultato che ci conforta – dichiarano i rappresentanti di Sardegna in Comune - che conferma la bontà del progetto, nato per dare espressione ad una parte politica rimasta troppo tempo divisa in città»
© 2000-2019 Mediatica sas