Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaArresti › Tentata strage: algherese in manette
Red 12 giugno 2019
Questa sera, un 52enne è stato arrestato dai Carabinieri, che hanno eseguito un´ordinanza del giudice per le indagini preliminari di Sassari, in relazione ad un fatto registrato lunedì in Via XX settembre
Tentata strage: algherese in manette


ALGHERO – L'accusa è tentata strage. Questa sera (mercoledì), un 52enne è stato arrestato dai Carabinieri di Alghero, che hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari di Sassari Giancosimo Mura, in relazione ad un fatto registrato lunedì in Via XX settembre.

I militari hanno accompagnato l'uomo nel carcere sassarese di Bancali. Stando alla prima ricostruzione, l'algherese aveva portato una bombola di gas Gpl davanti ad un garage, la innescava con una fonte di calore, pr poi collegare un tubo di gomma alla valvola. Poi, il tubo veniva fatto passare sotto la serranda, per poi sistemare una lampada a gas da campeggio con un altro innesco. Fortunatamente, alcuni abitanti della palazzina hanno ravvisato la fuoriuscita di gas e hanno chiamato le Forze dell'ordine. Il pronto intervento dei Vigili del fuoco hanno evitato il peggio. In un primo momento, i Carabinieri non hanno trovato subito il responsabile, che nel frattempo era andato via.

I militari hanno però hanno sentito alcune testimonianze, hanno visionato le immagini registrate dal siste,a di videosorveglianza e sono riusciti a identificare il 52enne. Ancora non è stato chiarito il motivo del gesto. Potrebbe trattarsi di un mancato risarcimento assicurativo. Sul caso, indagano i militari locali e quelli del Comando provinciale di Sassari. L'uomo è difeso dagli avvocati Danilo Mattana e Bastianina Cocco.
14/6/2019
La Sezione Operativa della Compagnia Carabinieri di Sassari ha rilevato, in una palazzina del quartiere di Santa Maria di Pisa, la costante presenza di numerosi tossicodipendenti, che vi accedevano allontanandosi subito dopo con la “dose” di eroina o cocaina appena acquistata
© 2000-2019 Mediatica sas