Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaTasse › Cartelle, silenzio assordante. «Perseverare è davvero diabolico»
S.O. 15 agosto 2019
Da Porta Terra vige un silenzio tombale che alimenta le preoccupazioni e conferma i timori, nonostante anche in occasione dell´ultimo Consiglio comunale Valdo Di Nolfo e Pietro Sartore abbiano invano chiesto spiegazioni sulla nuova ondata di cartelle e la mancata internalizzazione del servizio di riscossione come promesso in campagna elettorale. Proteste e denunce, cresce il malumore ad Alghero
Cartelle, silenzio assordante
«Perseverare è davvero diabolico»


ALGHERO - «Cala un silenzio inquietante, nel frattempo l'Amministrazione continua a testa bassa ad avvalersi di terze società per far cassa e far fare cassa, alle spalle dei cittadini». Così Fernando Piras che invia una lettera in Comune per denunciare presunte violazione ed esprimere tutto il suo dissenso. «Non bastano i clamorosi errori degli ultimi tempi a far riflettere chi di dovere, così non si può andare avanti»: In questo caso la denuncia di errori (sempre presunti o probabili) nella trasmissione di atti ed ingiunzioni di pagamento arriva da Franco Manca. Poi c'è chi si sente «preso in giro» e si dice «profondamente arrabbiato» come Paolo Fabio Serra. «E' un'autentica vergogna, altro non si può dire, usati e vessati ma nel frattempo c'è chi la fa sempre franca grazie agli amici degli amici. Ma in che mondo viviamo ad Alghero» si domanda.

Insomma, in Comune ad Alghero ma negli uffici preposti soprattutto, le lamentele si sprecano. Nel frattempo alla redazione giungono mail e lettere di protesta più o meno argomentate. Il nodo è sempre lo stesso: la situazione sul fronte riscossione, che si fa ogni giorno più intrigata, mentre in città in molti ormai parlano apertamente di clamoroso bluff alla faccia degli algheresi [LEGGI]. Il tutto mentre da Porta Terra vige un silenzio tombale che alimenta le preoccupazioni e conferma i timori diffusi, nonostante anche in occasione dell'ultimo Consiglio comunale Valdo Di Nolfo e Pietro Sartore abbiano invano chiesto spiegazioni all'Amministrazione [1 parte] [2 parte].

Silenzio assordante anche nei confronti dell'ex assessore alle Finanze Gavino Tanchis, oggi propedeutico alla Maggioranza di Centrodestra, che non più tardi della scorsa settimana confermava l'invio di una nuova ondata di cartelle sugli algheresi e chiedeva la convocazione di una seduta urgente per permettere la rateizzazione dei presunti debiti [LEGGI]. Nel frattempo però la situazione si complica e s'inclina sempre più quel flebile rapporto ormai esistente tra cittadini e politica. Ne sono un esempio le lamentele che in questi giorni giungono da algheresi in difficoltà. Di seguito la lettera aperta di Virginio Zaru, che nell'ottica di una dialettica per un confronto civile tra cittadini ed Amministrazione, chiede che venga pubblicata integralmente. Di seguito il testo.


Errare è umano, perseverare è diabolico..... che “forse”, è anche peggio. In sintesi è il commento di moltissimi cittadini algheresi, che in questi giorni, si vedono recapitare la seconda ondata di ingiunzioni di pagamento da parte della “Step srl”. Dopo la prima serie di migliaia di cartelle inviate alla fine del 2018, opportunamente annullate nei primi mesi del 2019 (possiamo chiedere il perché ? anzi forse è meglio di no! La risposta, per qualcuno, potrebbe essere scomoda), con sprezzo del pericolo e del ridicolo, ecco la seconda ondata. Si è parlato e si parla di cartelle pazze? Non sono d'accordo. Si potrebbe parlare di faciloneria, approssimazione, superficialità, con sconfinamenti in atteggiamenti vessatori, finanche di molestia, se non peggio (questo è sicuramente competenza dell’autorità giudiziaria).
Nella mia personale esperienza, una delle tante, non certo la peggiore, ma significativa, per capire in quale vortice viene catapultato un cittadino, quando entra nel mirino di queste società private, legittimate, al recupero di somme dai contribuenti a mio avviso in modo arbitrario, ed utilizzando metodi di calcolo a dir poco discutibili.
Nel dicembre 2018 viene richiesto al mio genitore in vita, con accertamento, per un terreno pervenuto per donazione, il pagamento dell’Imu relativo al 2013 considerando il fondo (classificato dall'Agenzia del Territorio “agricolo”), terreno edificabile poiché inserito nel P.R.G. ed attribuendogli un valore catastale pari a circa 106.000 euro con un aliquota pari al 9,8 x mille.
Ma edificabile non è (stabilito dal tecnico da noi incaricato), poiché per essere considerato tale deve essere presente una lottizzazione. Per tale motivo, si contesta la cartella mediante raccomandata invitando la “Step srl” alla revisione.
Dopo qualche mese arriva la revisione in cui si accerta l’inesattezza della “loro” richiesta, ed il valore “magicamente” scende a meno di 7.000 euro. Della serie : «Ci eravamo sbagliati».
Intanto se non le contesti e paghi (per evitare fastidi e perdite di tempo), il sistema va avanti. Nel dicembre 2014 avviene il decesso di uno dei genitori e per cui i tre figli diventano possessori di una porzione del terreno oltre che co-possessori di tre immobili. Qualche giorno fa arriva a tutti, il genitore in vita ed ai tre figli un accertamento su quel terreno e su due appartamenti di proprietà, e fin qui nulla da ridire, la cosa grave è che al genitore in vita viene richiesto il pagamento basandosi sulla rettifica da loro fatta (circa 7.000 euro), agli altri tre co-eredi calcolando il valore del terreno a prima della rettifica (106.000 euro), calcoli diversi sullo stesso bene (perché ? dubito che possano fornire una spiegazione plausibile a tal proposito).
Ma non è finita qui. Per altri due immobili, pervenuti per successione legittima, viene richiesto il pagamento per 21 giorni, considerando che il genitore è passato a miglior vita l’11/12/2014. Non verificando che lo stesso, aveva pagato l’IMU per l’intero anno, la seconda rata in data 10/12/2014 (come da ricevute), poco prima di morire. A ciò si aggiunga che la “Step srl”, pretende il pagamento di un immobile sito in un indirizzo, dove non si è mai posseduto immobili.
Questa non è discriminazione, ma possiamo presumere pressapochismo, superficialità, o peggio? Una corsa al recupero di denaro per far quadrare i conti (i più maligni potrebbero pensare che magari è dettata dall’esigenza di incassare della somme inserite a bilancio come crediti esigibili. Ma esigibili non sono. Almeno una cospicua parte).
A prescindere dalla liceità o meno della richiesta (evitando o rimandando così l’intervento della Corte dei Conti). E che dire degli atteggiamenti della stessa “Step srl”, che dall’alto della sua posizione dominante, invia cartelle in maniera massiva. Forse confidando che i cittadini, fiaccati da questo continuo stillicidio con continue richieste di danaro, che provengono da ogni dove pur di non doversi impelagare con ulteriori problemi, preferisce pagare senza discutere ? Per dieci che protestano, statisticamente almeno 90 se non più, pagano. I cittadini, chi più chi meno, pagano sempre. E la “Step srl”, per i suoi errori non paga? Non dovrebbe pagare? Ciò che mi sembra paradossale è che, anziché cercare la condivisione e la collaborazione dei cittadini (con colloqui e confronti), prevale un cinico atteggiamento punitivo, in maniera preventiva.
Ma quello che è singolare è l’intervento di un “autorevole politico”, che qualche giorno fa ha tuonato contro la “Step srl”, forse dimenticando (o meglio, sperava lo dimenticassero i cittadini), che al pari dell’ex sindaco, è uno dei maggiori artefici di questa situazione.
Ma non finisce qui, costui, degno del premio “Brachetti”, attribuibile in questo caso, al miglior trasformista politico (Pierferdinando Casini gli fa un baffo), che ha l’ardire di passare da destra a sinistra e ritorno con noncuranza (ha cambiato più partiti e movimenti che automobili), non ha ancora spiegato ai cittadini perché si è sentita l’esigenza di affiancare la SE.CA.L. con questa società che fino ad ora non ha certamente dimostrato ne professionalità, ne competenza (finora, l’unica cosa certa, è la percentuale di aggio sul recupero dei crediti, pare si aggiri intorno al 16%, mi corregga se sbaglio), non bastava potenziare la SE.CA.L. ? e se si, perché non è stato fatto ?
Questa vicenda sta diventando una barzelletta, che, al contrario delle migliori tradizioni, non fa ridere. Sig. “autorevole politico” ... una domanda ... considerata la figura non proprio edificante e confidando gli sia rimasta ancora un po’ di dignità, perché non chiude definitivamente con la politica e si dedica ad un lavoro ? Probabilmente le renderà meno, ma sicuramente potrà camminare a testa alta senza evitare gli sguardi non proprio di stima dei cittadini e senza far finta di essere impegnato in una conversazione telefonica.
Confidiamo in un intervento di questa amministrazione, affinché ponga fine a questa metodica snervante e opprimente e si cambi, una volta per tutte, il rapporto amministrazione – cittadino. Questo per il bene di tutti.


Foto d'archivio
© 2000-2019 Mediatica sas