Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaEconomiaAmbiente › Laboratorio di decarbonizzazione per la Sardegna
Red 29 luglio 2019
Domani, al Mise, è previsto un Tavolo di confronto di carattere tecnico sulla cessazione dell’uso del carbone per la produzione di energia elettrica–Centrali termoelettriche alimentate a carbone ubicate nella Regione autonoma della Sardegna
Laboratorio di decarbonizzazione per la Sardegna


CAGLIARI – Domani, martedì 30 luglio, al Mise, è previsto un Tavolo di confronto di carattere tecnico sulla cessazione dell’uso del carbone per la produzione di energia elettrica–Centrali termoelettriche alimentate a carbone ubicate nella Regione autonoma della Sardegna. «Opporsi alla phase out – spiegano il delegato Wwf Italia per la Sardegna Carmelo Spada ed il presidente Italia nostra Sardegna Graziano Bullegas - è un evidente arretramento contro gli interessi della salute e del clima dei cittadini sardi. Opporsi all’attuazione dello scenario di “phase out completo”, ossia l’uscita dalla produzione di energia elettrica dal carbone, rappresenta un’evidente frenata verso l’innovazione e l’economia circolare. Infatti, la produzione di energia elettrica dal carbone, il combustibile più inquinante e una delle prime cause del riscaldamento globale, non solo è dannoso per il percorso dell’Italia e della Sardegna verso la piena attuazione dell’Accordo di Parigi sul clima, ma rappresenta un’evidente frenata verso l’innovazione e la necessaria e giusta transizione della Sardegna verso politiche energetiche compatibili con il futuro e la creazione di nuovi e duraturi posti di lavoro».

«Colpisce, che mentre l’intera comunità scientifica internazionale esorti all’azione contro i cambiamenti climatici in atto, ci sia chi abbia l’obiettivo di bloccare il percorso italiano per l’uscita dal carbone, prevista con la Strategia energetica nazionale per il 2025. Rispetto a questo scenario – sottolineano Spada e Bullegas - sarebbe logico che la Regione Sardegna predisponesse un piano lungimirante per una giusta transizione che non lasci nessuno indietro e che conduca alla chiusura degli impianti inquinanti entro la scadenza decisa dalla Sen e ribadito dalla Proposta di Piano nazionale integrato energia e clima. Opporsi, oggi, al percorso verso un sistema energetico sostenibile e amico del clima non solo introduce un ostacolo nella transizione dalle fonti fossili a quelle rinnovabili, ma è anche contro gli interessi dei cittadini sardi. Non esistono, infatti, ragioni tecniche che impediscano con un così adeguato preavviso (la chiusura è prevista nel 2025) di predisporre soluzioni tecniche e che permettano di transitare dal carbone alle rinnovabili garantendo, al contempo, il mantenimento dei livelli occupazionali e delle garanzie sociali». I due ambientalisti spiegano come, già oggi, la Sardegna sia in surplus di produzione energetica, visto che consuma circa 8,4twh (miliardi di kwh), mentre produce 13,3twh (esporta quindi molta più energia di quanta ne utilizzi).

«La Sardegna ha dinanzi una sfida ed opportunità che sarebbe assurdo non cogliere. L’assenza di altre infrastrutture energetiche sul gas e la necessità di chiudere le vecchie centrali a carbone può fare dell’Isola un vero e proprio “laboratorio della decarbonizzazione per il clima e lo sviluppo sostenibile” che, puntando sulle rinnovabili, sull’efficienza energetica, sui trasporti sostenibili, su una rete elettrica intelligente ed evoluta e su moderni sistemi di accumulo, spinga l’isola verso un futuro fatto di sviluppo sostenibile e di nuova e stabile occupazione. La Sardegna deve battersi per un’industria innovativa e non enerogivora in considerazione del fatto che il maggiore consumo energetico è di gran lunga quello industriale. La trasformazione del sistema economico attuale verso quello circolare anche con la riconversione del polo dell’alluminio primario di Portoscuso (Alcoa–Eurallumina) in quello dell’alluminio riciclato notevolmente meno energivoro e meno inquinante attraverso percorsi sostenuti dall’Unione europea per la creazione di posti di lavoro di qualità ambientale, reali e duraturi nel tempo. Un’economia circolare unita alle bonifiche (in forte ritardo) dei Siti industriali inquinati porterebbe la Sardegna in una nuova e reale prospettiva di Rinascita sociale, economica e ambientale», concludono il delegato Wwf Italia per la Sardegna ed il presidente Italia nostra Sardegna.
Commenti
23:28
Il presidente della Regione autonoma della Sardegna, Christian Solinas, ha presentato i bandi rivolti a Pmi ed Enti locali per la mobilità elettrica. Dotazione finanziaria di 18,5milioni di euro
14:14
Rimessa interamente in ordine in questi giorni la strada di Alghero che dalla Statale 127 bis conduce al quartiere del Carmine. Via che, nel tempo, è stata oggetto di abbandono selvaggio di rifiuti tra cui ingombranti ed una gran quantità di indumenti usati
8:18
L´Ente locale organizza il primo corso di micologia di base per imparare a riconoscere i funghi. Il corso, da venerdì 27 settembre sarà tenuto dal micologo Renato Brotzu, e sarà suddiviso in otto lezioni, di cui sei si svolgeranno in aula e due sul campo
16/9/2019
È uno degli interventi che il Comune di Ploaghe ha inserito nel programma di sviluppo del Progetto di sviluppo territoriale “Anglona-Coros: terre di tradizioni”, finanziata dalla Regione autonoma della Sardegna con specifici fondi europei e nazionali e che sarà uno dei primi cantieri a partire fra gli oltre ottanta progetti del programma
16/9/2019
Il presidente Antonio Diana scrive all´amministratore della Provincia Pietrino Fois per chiedere il coinvolgimento delle istituzioni e la convocazione di un tavolo permanente di lavoro
© 2000-2019 Mediatica sas