Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariPoliticaAmbiente › «Rifiuti opportunità di occupazione»
Red 30 agosto 2019
«In previsione della prossima approvazione del nuovo Piano regionale dei rifiuti, ho avviato un dialogo con gli operatori del settore al fine di conoscere esigenze e criticità alle quali dare adeguate risposte», dichiara l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente Gianni Lampis
«Rifiuti opportunità di occupazione»


CAGLIARI - «In previsione della prossima approvazione del nuovo Piano regionale dei rifiuti, ho avviato un dialogo con gli operatori del settore al fine di conoscere esigenze e criticità alle quali dare adeguate risposte». Lo ha detto l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente Gianni Lampis, durante l’incontro di ieri mattina (mercoledì) con il Consorzio regionale Carta e cartone Sardegna, rappresentato dal presidente Daniela Barsanti, nello stabilimento della cartiera consorziata “Papiro sarda”, a Macchiareddu.

Il Consorzio, nato nel 2012, si occupa dello sviluppo delle attività del comparto in Sardegna, riferite al ciclo di raccolta, recupero, riciclo, produzione e trasformazione di carta e cartone, stipulando anche accordi con Istituzioni, come Comuni, Unioni dei comuni, Regione autonoma della Sardegna, Consiglio regionale, Università degli studi di Cagliari ed Anci Sardegna. «La realtà che ho conosciuto – ha aggiunto Lampis - rappresenta l’attuazione pratica del principio di “prossimità” nel conferimento dei rifiuti, cioè il più vicino possibile al luogo di produzione, così da ridurre gli impatti ambientali».

«Perciò – ha chiosato l'assessore - intendo accompagnare, dal punto di vista istituzionale, l’affermazione di importanti realtà come il Consorzio, che dimostra praticamente come il rifiuto possa e debba essere un presidio economico foriero anche di opportunità di sviluppo e di occupazione per il nostro territorio».

Nella foto: un momento dell'incontro
Commenti
11:12
I 4.654.000euro stanziati dalla Giunta regionale per favorire, tra le altre cose, la minore produzione di rifiuti, la bonifica di siti inquinati, il recupero di aree degradate ed altri investimenti di tipo ambientale
© 2000-2019 Mediatica sas