Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAmministrazione › «Delibera anti-fascista un’aberrazione giuridica»
Cor 4 novembre 2019
Di seguito l´intervento dei capigruppo di maggioranza relativo alla delibera «che mette ordine tra demagogia e capisaldi legislativi per la tutela dei principi costituzionali e dei diritti dei cittadini». Intanto ad Alghero (e non solo) cresce la polemica e molti gruppi si preparano alla piazza
«Delibera anti-fascista un’aberrazione giuridica»


ALGHERO - «Alghero fa l'occhiolino ai gruppi neo-fascisti». Così ha titolato Alguer.it nell'annunciare la priorità della Giunta Conoci a quinto mese di amministrazione: la revoca della delibera nr. 316 del 13 settembre 2018 che altro non enunciava, se non, l'obbligo alle associazioni alla sottoscrizione del codice etico contro i principi fascisti per l'utilizzo degli spazi pubblici [LEGGI LA DELIBERA]. Una scelta ampiamente osteggiata da movimenti, gruppi politici e associazioni. A distanza di qualche giorno dalla decisione dell'esecutivo, col "popolo" antifascita in pieno fermento, intervengono i capigruppo di maggioranza (Pulina, Ansini, Bamonti, Pirisi, Mulas, Trova e Camerada): «Giusto cancellare un’aberrazione giuridica che dichiarava tutti fascisti fino a “dichiarazione contraria”». Di seguito la nota stampa integrale.

I principi democratici sono ampiamente garantiti nella nostra città. Non è stata certamente la delibera demagogica e irrispettosa dei diritti dei cittadini, recentemente revocata, a garantirli. Piuttosto quei principi erano, sono e saranno garantiti ben più saldamente e concretamente dalla nostra Costituzione e dall’ordinamento dello Stato Italiano. Una delibera di facciata e di propaganda partorita nel 2018 dalla Giunta Bruno, alla continua ricerca di visibilità, che addirittura vorrebbe sostituirsi alla Costituzione e alle altre leggi dello Stato. Non è certamente alla Giunta comunale che compete il compito di produrre norme in materia di apologia e propaganda fascista o a tutela di altri principi fondamentali: la Costituzione e la legge lo fanno già.

Tanto clamore per nulla quindi, giusto per chiarire che la Giunta Conoci ha voluto solo ed esclusivamente mettere ordine, eliminando la demagogia e lasciando ai capisaldi legislativi la tutela dei principi costituzionali e dei diritti dei cittadini. Tutti hanno diritto di utilizzare gli spazi pubblici nel rispetto delle leggi, senza che questo diritto subisca una compressione ed un inutile e mortificante appesantimento. Quella delibera dichiarava di fatto tutti fascisti sino a “dichiarazione contraria”. Una vera aberrazione giuridica, una offesa verso i diritti costituzionalmente garantiti. Una delibera atta solo a soddisfare i più deleteri atteggiamenti praticati da certa politica intollerante.

La delibera approvata dall’esecutivo Conoci spiega infatti che i principi richiamati dalla deliberazione n° 316 del 13 settembre 2018 sono ampiamente garantiti da puntuali disposizioni di legge, e che ogni ulteriore specificazione è, di fatto, non rispettosa dell’assoluta tutela che la Costituzione e le leggi citate già ampiamente ed esaustivamente garantiscono. Nessun atto antidemocratico, ne, tantomeno, alcun attacco alla Costituzione della Repubblica Italiana, piuttosto il suo rispetto “abbandonato” con l’adozione di quella delibera. Rispediamo ai mittenti l’accusa di aver posto in essere un atto antidemocratico e anticostituzionale. Siano essi rispettosi della Costituzione che dichiarano di conoscere dimostrando invece di ignorarla completamente. Piuttosto, questo atteggiamento evidenzia inequivocabilmente la intolleranza verso chiunque abbia idee e valori diversi. Non esiste alcun pericolo ad Alghero per la democrazia, ci mancherebbe che un’amministrazione locale possa cancellare leggi cardine del nostro ordinamento giuridico o svuotarle di valore.

Sarebbe perfino inutile ricordare che i valori democratici e antifascisti che governano l’agire dei partiti che hanno vinto le passate elezioni comunali sono proprio quelli che si rifanno alla Costituzione e nessuno di questi partiti si colloca fuori e contro i suoi principi. Ai neo “antifascisti” di maniera, ai paladini dei diritti un tanto al chilo, che insorgono indignati per la cancellazione della delibera della Giunta Bruno una sola domanda: ma nelle città in cui non esiste una delibera analoga che imponga la sottoscrizione di un codice di adesione ai principi dell’antifascismo per poter esercitare il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero, e consta siano la grande maggioranza dei Comuni italiani, ci troviamo in presenza di città antidemocratiche e che fanno l’occhiolino ai fascisti? La ovvia risposta: certamente no! In caso contrario, da grandi giuristi quali pensano di essere, denuncino tutte quelle amministrazioni.
Commenti
11:15
Il percorso intrapreso dal 2015 dal Comune di Alghero genera importanti ricadute anche tra i dipendenti comunali. L’ultima verifica è stata effettuata dal Dott. Luca Pandini lo scorso settembre: nella relazione redatta è stato evidenziato il progresso compiuto nell’attuazione del Piano Aziendale, passato dal 38 al 68%
10/12/2019
Il Consiglio comunale di Alghero è stato convocato, in sessione ordinaria, in seduta pubblica di prima convocazione, nei locali della Casa comunale di Piazza Municipio, venerdì pomeriggio. Setti gli argomenti all´Ordine del giorno
10/12/2019
Nelle prossime settimane, dopo la delibera del Consiglio comunale del 15 novembre 2018, verrà firmato il contratto di acquisto dell’immobile in cui l’Amministrazione comunale, a partire dal 2012, aveva collocato l’ecocentro comunale con un contratto di locazione di mille euro mensili
Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2019 Mediatica SRL - Alghero (SS)