Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroSpettacoloTeatro › Mamatita festival: arriva il MagdaClan circo
Red 11 settembre 2019
Tra i piatti forti di Mamatita c’è il ritorno in Sardegna di MagdaClan circo, con uno spettacolo nuovissimo. In scena “Emisfero”, nello chapiteaux che la compagnia installerà nel lungomare di Fertilia
Mamatita festival: arriva il MagdaClan circo


ALGHERO - Tra i piatti forti di Mamatita festival c’è il ritorno in Sardegna di MagdaClan circo, con uno spettacolo nuovissimo. Al debutto alla kermesse algherese di arte di strada e circo contemporaneo organizzata da Spazio T, con la direzione artistica di Chiara Murru, MagdaClan circo è una delle più interessanti realtà in Italia. Attiva da otto anni, la compagnia è formata da «venti sognatori, artigiani di circo contemporaneo», come si definiscono. Acrobati, musicisti e tecnici under 35 vengono dalle migliori scuole di circo di Torino e Bruxelles e si occupano di tutto, dall’ideazione dei loro spettacoli al montaggio del loro chapiteaux. «Inseguiamo il sogno di portare meraviglia nella realtà quotidiana e nelle comunità che ci ospitano», è il modo in cui raccontano la loro missione.

MagdaClan unisce all’immaginario tradizionale del circo e della vita itinerante l’innovazione di un linguaggio contemporaneo, poetico, ironico e multiforme, trasformando la propria performance in una metafora della complessità dell’epoca attuale. La sfida alle leggi di gravità è portata avanti con lucida follia, tra poesia e fragili disequilibri. È così anche per “Emisfero”, lo spettacolo con cui da sabato 21 settembre debutteranno al Mamatita festival. È un omaggio all’uomo ed al suo meccanismo, all’equilibrio quotidiano, al circo della vita. «La mente è come un paracadute: funziona solo se si apre», è la frase di Albert Einstein da cui è partita l’ideazione del nuovo spettacolo. Per 60mila volte al giorno, piccole molecole si scontrano, si abbracciano, camminano, suonano e danzano senza tregua, neurotrasmettitori di emozioni, portatrici di rabbia, paura, amore, fiducia. Emisfero è il loro viaggio: una reazione in evoluzione continua, un omaggio all’uomo ed al suo incredibile meccanismo, all’equilibrio quotidiano, al circo della vita.

Nel solco di un confronto in atto da anni tra Istituzioni algheresi e operatori culturali, finalizzato a trasformare Fertilia in un distretto per l’arte con il recupero dello straordinario patrimonio immobiliare pubblico, il tendone di MagdaClan circo atterrerà sul lungomare del borgo giuliano. La scelta esalta il principio su cui fonda Mamatita: fare dell’arte uno strumento per rigenerare gli spazi pubblici, creare i presupposti per nuove opportunità e nuovi luoghi deputati all’aggregazione. Emisfero andrà in scena sabato 21, domenica 22, venerdì 27, sabato 28 e domenica 29 settembre, sempre alle 21. Il biglietto d’ingresso costa 10 euro per gli adulti (ridotto 8euro) e 5euro per i bambini.

Considerato il numero limitato di posti, MagdaClan circo e Mamatita festival suggeriscono di prenotare telefonando al numero 338/9832476, utile anche per richieste di informazioni. In un festival che unisce chiunque crede in una città che si fa teatro, il tendone ospita anche altri appuntamenti grazie alla collaborazione tra Spazio T e Società Umanitaria. Martedì 24, alle 18, si proietterà “Il circo”, film di Charlie Chaplin, mentre alle 21 “Cirqo”, di Orlando Lubbert. Per i più curiosi della straordinaria esperienza artistica portata avanti dal 2011 da MagdaClan, giovedì 26, alle 19, gli artisti della compagnia chiacchiereranno con appassionati e curiosi.
Commenti
20/9/2019
Il cartellone più ricco degli ultimi anni salutato dal primato di vendite. Aprirà “Il cappello di paglia di Firenze”, di Nino Rota, in prima esecuzione in Sardegna. Tornano “Pagliacci”, “La Cenerentola” ed “Il trovatore”, Chiuderà Francesco Demuro
18/9/2019
In programma ad Alghero, martedì 24 e mercoledì 25 settembre, due serate ad alto impatto emotivo, grazie alla collaborazione con Società umanitaria e con Sardegna teatro
© 2000-2019 Mediatica sas