Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaRegione › «Comuni abbandonati dalla Regione»
Red 19 maggio 2020
«Comuni abbandonati dalla Regione»
I parlamentari del MoVimento 5 Stelle esprimono preoccupazione perché, «nonostante nel nuovo elenco stilato dalla Regione Sardegna, risulti l´ingresso di trenta Amministrazioni locali, sette Comuni risultano fuoriusciti: Assemini, Badesi, Girasole, Masainas, Olmedo, Ortacesus, Simaxis. Oltre ai Comuni in uscita, ad altri otto Comuni è stata confermata l’esclusione dalla determinazione: Alghero, Arborea, Samassi, San Gavino Monreale, San Sperate, Senorbì, Uras, Valledoria»


ALGHERO - Dei 377 Comuni sardi, 309 sono stati inseriti nell’elenco della nuova determinazione delle zone svantaggiate. Questo elenco illustra quali sono le aree soggette a vincoli naturali con effettivi svantaggi geomorfologici che compromettono la capacità produttiva ed agricola. I parlamentari del MoVimento 5 Stelle Luciano Cadeddu, Lucia Scanu, Emanuela Corda, Alberto Manca, Mario Perantoni e Pino Cabras esprimono preoccupazione perché, «nonostante nel nuovo elenco stilato dalla Regione Sardegna, risulti l'ingresso di trenta Amministrazioni locali, sette Comuni risultano fuoriusciti: Assemini, Badesi, Girasole, Masainas, Olmedo, Ortacesus, Simaxis. L’esclusione – spiegano i pentastellati - è il risultato della valutazione di una serie di criteri, quali: irrigazione o di valore della produzione standard (vegetale e animale), drenaggi artificiali e la presenza di serre. Le valutazioni di questi criteri determinano lo status di “zona svantaggiata”, questi principi non prendono in considerazione le condizioni degli agricoltori e degli allevatori: le difficoltà dovute alle alluvioni e criticità oggettive che negli ultimi anni hanno messo in ginocchio i comparti agricoli sardi, come la siccità, il dissesto idrogeologico, le strade sterrate inaccessibili (spesso prive di manutenzione) ed una criticità unica che accomuna tutti i sardi, l’insularità».

«Oltre ai Comuni in uscita, ad altri otto Comuni è stata confermata l’esclusione dalla determinazione: Alghero, Arborea, Samassi, San Gavino Monreale, San Sperate, Senorbì, Uras, Valledoria. Sono evidenti – sottolineano Cadeddu, Scanu, Corda, Manca, Perantoni e Cabras - le incongruenze anche di questo elenco: utilizzare un modello di valutazione generale non entrando nello specifico delle diverse realtà comunali mette in discussione l’esclusione di questi Comuni». Secondo quanto sostengono i parlamentari del M5s, la Regione autonoma della Sardegna «avrebbe dovuto coinvolgere i sindaci ed effettuare valutazioni più attente, garantendo agli amministratori locali maggiori tutele prima di inviare i dati al Ministero. I tempi per correggere le valutazioni c’erano, ma non è stato fatto, ora sono gli agricoltori a pagarne le conseguenze».

Nella prossima programmazione prevista per il 2021, i parlamentari auspicano «un maggiore impegno e un ragguardevole coinvolgimento degli amministratori locali da parte degli uffici regionali e della stessa politica regionale. Ricordiamo che la Sardegna, per la programmazione europea, è nuovamente “Obiettivo 1”: questo non è un premio, significa che l’Isola non riesce a far ripartire l'economia e questo accade a causa di innumerevoli problemi. Per questo motivo serve uno sforzo maggiore da parte degli uffici regionali, della politica regionale e degli amministratori locali. Escludere un Comune dall’elenco di delimitazione delle zone svantaggiate significa assestare un colpo all’economia degli agricoltori e allevatori dell’intera zona. Gli amministratori locali, già in difficoltà, non possono sostenere e tutelare i produttori primari in particolar modo se si tratta di comuni colpiti da fenomeni di dissesto idrogeologico o da altre calamità naturali. La politica non può permettersi queste esclusioni, i sindaci dei comuni esclusi lamentano il mancato inserimento nell’elenco, sono infatti consapevoli che questo bloccherà lo sviluppo delle realtà agricole locali», concludono i deputati pentastellati.

Nella foto: il deputato Luciano Cadeddu
Commenti
16:54
«L´istituzione della Città metropolitana di Sassari sarebbe una scelta dannosa e controproducente per il futuro del nord Sardegna e dell´intera Isola», dichiara il consigliere regionale del Partito democratico Roberto Deriu
1/7/2020
Lo ha annunciato l’assessore regionale del Personale Valeria Satta, evidenziando il raggiungimento di un «importante obiettivo, realizzato al termine di un percorso condiviso anche con le organizzazioni sindacali»
1/7/2020
«Bisogna accelerare il percorso per mitigare gli svantaggi strutturali della Sardegna», ha dichiarato il governatore dell´Isola nel corso dell´audizione in videoconferenza con la Commissione Affari costituzionali del Senato
1/7/2020
E´ la proposta dei Progressisti per fronteggiare la crisi economica, ma soprattutto per cogliere quelle che Massimo Zedda, Gianfranco Agus, Maria Laura Caddeo, Laura Orrù, Antonio Più e Gianfranco Satta, considerano «le grandi opportunità del Mes e del Recovery fund»


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)