Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaScuola › Tutti contro Nieddu: la scuola non si tocca
Red 10 novembre 2020
Tutti contro Nieddu: la scuola non si tocca
Il consigliere d´Opposizione Gabriella Esposito, ex assessore alla Pubblica istruzione del Comune di Alghero, si schiera contro la paventata scelta dell´assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu i chiudere le scuole in questo momento contraddistinto dal Covid-19


ALGHERO - «Chiudere le scuole non è la soluzione migliore, ma è di certo la più semplice, soprattutto per coprire inefficienze di altro genere della Giunta regionale sardoleghista nel suo complesso e dell’assessore regionale della Sanità Mario Nieddu,in particolare. Vorrebbe chiudere le scuole, l’assessore Nieddu, con la stessa disinvoltura con cui hanno tenuto aperte le discoteche a Ferragosto. Non possiamo consentirlo. Tutti in qualche modo viviamo la scuola, nella quotidianità, sulla nostra pelle. Io da mamma e da rappresentante di classe e d'istituto. Da consigliera comunale e da ex assessora alla Pubblica istruzione», dichiara il consigliere d'Opposizione Gabriella Esposito.

«La prima domanda che mi pongo di fronte alla ventilata chiusura delle scuole è se sia stata davvero identificata una relazione di causa-effetto tra la riapertura delle scuole e l’aumento dei contagi. Mi piacerebbe infatti che le scelte politiche, soprattutto quelle che riguardano i nostri figli, siamo sempre supportate da evidenze scientifiche e non siano frutto di opinioni, interessi politici, convenienze, baratti, o tanto meno frutto di pressioni economiche, come abbiamo visto per l’apertura delle discoteche. Lo sappiamo – insiste l'ex assessore del Comune di Alghero - ogni misura di contenimento comporta costi economici e sociali non indifferenti».

«E' evidente che la cessazione delle attività scolastiche avrebbe costi futuri notevoli, che non possiamo ignorare: sono i costi culturali, sociali, relazionali, generazionali e intergenerazionali. Una crisi apparentemente meno tangibile nell’immediato di quella economica, ma non meno grave. E allora perché chiudere le scuole? Chiudere le scuole senza un supporto scientifico sui risultati nel contenimento dell'epidemia, comporta solo effetti negativi nel breve e nel lungo termine. E non salverebbe la coscienza dell’assessore Nieddu, il quale non può addossare sul sistema scolastico le inefficienze di quello sanitario da lui gestito, con la mancata tracciabilità dei possibili contagiati, la lentezza dell'esecuzione dei test al personale scolastico e la mancanza di test rapidi. La scuola non si tocca», conclude Esposito.

Nella foto: il consigliere comunale Gabriella Esposito
Commenti
23/1/2021
Con la definita approvazione all’unanimità da parte della Seconda Commissione consiliare per l´acquisizione del parere di competenza, è pienamente operativo il Piano di programmazione della rete scolastica e dell’offerta formativa della Regione autonoma della Sardegna per l´anno scolastico 2021/2022


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2021 Mediatica SRL - Alghero (SS)