Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaPolitica › Trova alle opposizioni: È ora di finirla
Cor 24 novembre 2020
Trova alle opposizioni: È ora di finirla
Non può essere accettato questo sfruttamento della tragedia: la costituenda sezione Simon Mossa del Psd´Az Alghero ribatte duro ai consiglieri comunali di minoranza


ALGHERO - «Basta è ora di finirla». E' la presa di posizione di Roberto Trova e del costituendo circolo Simon Mossa del Psd'Az ad Alghero nei di confronti «delle ultime esternazioni della minoranza in consiglio comunale volte puerilmente e strumentalmente ad attribuire le colpe di una pandemia che ha colpito l'intero pianeta alla maggioranza e al Sindaco in particolare, che hanno raggiunto dei livelli di discredito ai quali non si può non rispondere». «Attribuire le colpe solo per mero tornaconto politico e personale, anche con pochissima originalità, al Sindaco e al Presidente del Consiglio Regionale è degno di una politica d'accatto becera e volgare. Non si risolvono i problemi della sanità accusando chi oggi governa. Troppo facile» è la replica al duro documento di condanna firmato da tutti i consiglieri comunali di monroanza ad Alghero contro Mario Conoci e Michele Pais [LEGGI].

«Problemi e disastri creati proprio dai partiti rappresentati da chi oggi si illude che gettando fango sull’attuale amministrazione possa riuscire ad ottenere il consenso che gli algheresi hanno loro negato a giugno 2019. Per fortuna gli algheresi hanno la capacità di ragionare e sono anche in grado di capire che le battaglie sulla sanità sono squallide, se fatte fuori tempo e strumentalmente. Comprendiamo l'ossessione da comunicato stampa che affligge la minoranza, con ansiose gare alla migliore prestazione, ma non può essere accettato questo sfruttamento della tragedia» sottolineano dalla Simon Mossa. Si poteva fare di piú? Forse.

«Si poteva fare meglio? Puó darsi. Ma essere colpevolizzati e messi alla gogna da chi ha portato la sanità sarda ad essere solo un cumulo di macerie è una fotografia intollerabile. Ma non solo la sanità. Ricordiamo alla minoranza che avrebbe dovuto dare prova di capacità e bravura quando governava Alghero. Non dopo che la città li ha rispediti a casa per “nullafacenza”. Ma ci sarà anche il tempo per i processi, ma non ora. Adesso è il momento di restare uniti e in nome di questa unità speriamo che anche qualche esponente della minoranza si renda conto che puó dare un aiuto concreto e non offese gratuite dirette molto "prudentemente" solo al Sindaco e ad una parte della maggioranza. A queste persone chiediamo di non stare sedute di fronte ad una tastiera con l'unico scopo di offendere chi oggi si prodiga a qualunque livello per limitare il disastro economico e sociale della pandemia e di dare una mano assicurandogli che sarà il benvenuto. Ai cittadini algheresi vogliamo dire solo che l'impegno che stiamo mettendo è massimo, purtroppo il vaccino non lo possiamo produrre noi, ma le basi per la rinascita sí e state sicuri che una volta che la pandemia sarà finita torneremo a sorridere insieme» concludono Trova e compagni.
Commenti
25/1/2021
Nei giorni scorsi l´incontro a Cagliari col principale interlocutore del sindaco di Alghero, l´assessore Quirico Sanna, vice presidente nazionale del Partito Sardo d´Azione
25/1/2021
La chiede il deputato sardo di Fratelli d´Italia Salvatore Deidda che, con le colleghe Ciaburro, Varchi, Caretta e al senatore De Carlo pressa il Governo formalizzando una proposta di legge


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2021 Mediatica SRL - Alghero (SS)