Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaAmbiente › Maltempo in Sardegna: 10milioni dall´Ue
Red 20 agosto 2019
Dopo la dichiarazione dello stato di emergenza da parte del Governo nazionale per il maltempo verificatosi ad ottobre e novembre 2018, la Commissione europea ha istituito un Fondo di solidarietà a favore dell’Italia da suddividere tra le regioni in quote proporzionali alla percentuale del danno stimato
Maltempo in Sardegna: 10milioni dall´Ue


CAGLIARI – Dopo la dichiarazione dello stato di emergenza da parte del Governo nazionale per il maltempo verificatosi ad ottobre e novembre 2018, la Commissione europea ha istituito un Fondo di solidarietà a favore dell’Italia da suddividere tra le regioni in quote proporzionali alla percentuale del danno stimato. Alla Sardegna, che ha subito danni per oltre 256milioni di euro, è stato assegnato un contributo di 10milioni 733mila euro.

«In questi primi mesi della legislatura, siamo stati impegnati in alcuni incontri istituzionali coi Ministeri e col Dipartimento nazionale di Protezione civile per ottenere un ristoro riferito agli ingenti danni subiti in quelle giornate – ha sottolineato l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente, Gianni Lampis – Abbiamo, comunque, il dovere di chiedere con maggiore insistenza al Governo nazionale i necessari stanziamenti per superare le situazioni emergenziali, iniziando a parlare di programmazione infrastrutturale e di mitigazione del rischio idrogeologico. Solo così potremmo salvaguardare i paesaggi della nostra Isola e consentire al nostro patrimonio ambientale di non essere più gravemente sfregiato, garantendo, nel contempo, la sicurezza e l’incolumità dei nostri concittadini».

Le spese che rientrano nel contributo, già effettuate dopo l'evento o da effettuarsi entro diciotto mesi dalla data di erogazione del contributo, sono il ripristino della funzionalità delle infrastrutture e degli impianti nei settori dell’energia, dell'acqua, delle acque reflue, delle telecomunicazioni, dei trasporti, della sanità e dell’istruzione; la realizzazione di misure provvisorie di alloggio e finanziamento dei servizi di soccorso destinati a soddisfare le necessità della popolazione colpita; la messa in sicurezza delle infrastrutture di prevenzione e misure di protezione del patrimonio culturale; la ripulitura delle zone danneggiate, comprese le zone naturali, in linea con approcci eco-compatibili e ripristino immediato delle zone naturali colpite per evitare gli effetti immediati legati all'erosione del suolo. La proposta, all’esame del Parlamento europeo, dovrebbe essere approvata definitivamente a settembre.

Nella foto: l'assessore regionale Gianni Lampis
Commenti
11/11/2019
L’assessore regionale della Difesa dell’ambiente Gianni Lampis ha effettuato un sopralluogo nel tratto della 131 tra Sanluri e Sardara, con gli amministratori locali del territorio, ai tecnici dell’Arpas ed al Corpo forestale
© 2000-2019 Mediatica sas