Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaAmbienteAnimali › Raddoppiati i grifoni in Sardegna
Cor 10 luglio 2020
Raddoppiati i grifoni in Sardegna
Ora sono tra i 230 e i 250, con un aumento delle coppie territoriali (passate da 35 a 57) e degli involi dei nuovi nati. Nell´isola - a Bosa e a Porto Conte (Alghero) - si trova l´unica colonia naturale di grifone presente nel Mediterraneo: Sono i risultati principali del progetto Life Under Griffon Wings


SASSARI - Negli ultimi cinque anni in Sardegna sono raddoppiati i grifoni ed è sensibilmente diminuito il rischio che possano estinguersi dall'isola: ora sono tra i 230 e i 250, con un aumento delle coppie territoriali (passate da 35 a 57) e degli involi dei nuovi nati. Sono i risultati principali del progetto Life Under Griffon Wings, che ha preso il via nel 2015 e si concluderà il prossimo 31 agosto. L'intervento, finanziato dal Programma Life per la conservazione di questo avvoltoio, è stato curato dall'Università degli Studi di Sassari insieme all'Agenzia Regionale Forestas, al Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale e al Comune di Bosa.

Questa mattina nei giardini del Dipartimento di Medicina Veterinaria di Sassari sono stati presentati i risultati del progetto. Nell'isola - a Bosa e a Porto Conte - si trova l'unica colonia naturale di grifone presente nel Mediterraneo: negli ultimi decenni la situazione demografica era diventata critica. Questo intervento si è reso così necessario per migliorare lo stato di conservazione della popolazione e mitigare le principali minacce alla sua sopravvivenza. Per raggiungere questi obiettivi è stata attivata, per la prima volta in Italia, una rete di carnai aziendali che, insieme ai due "allestiti" di Porto Conte e Monte Minerva dell'Agenzia Forestas, garantiscono sia la disponibilità di cibo sufficiente per la popolazione dell'avvoltoio e che la salubrità delle carcasse.

Poi è stata migliorata la vitalità della popolazione con un programma di ripopolamento che ha portato all'introduzione nei nostri cieli di 63 grifoni: 58 provenienti dalla Spagna e 5 allevati nello Zoo Artis di Amsterdam. Per affrontare la minaccia degli avvelenamenti, considerata la principale alla conservazione degli avvoltoi, è stato costituito per la prima volta in Sardegna un Nucleo cinofilo antiveleno composto da agenti del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale degli Ispettorati di Sassari e Oristano, da quattro cani addestrati dal Dipartimento di Medicina Veterinaria e da conduttori della Croce Gialla di Ploaghe: l'attività del Nucleo ha portato, tra le altre cose al rinvio a giudizio di due allevatori per avvelenamento di animali.

È stato rinforzato il Centro di recupero della fauna selvatica di Bonassai dell'Agenzia Forestas, con la dotazione di grandi voliere per la cura e la riabilitazione degli avvoltoi. Infine sono state attivate varie azioni per diminuire il disturbo umano nei siti riproduttivi: sono stati predisposti i Codici etici della Fotografia Naturalistica e dell'Escursionismo, attrezzati i "Sentieri del Grifone" a Porto Conte e Monte Minerva, lanciate diverse campagne di sensibilizzazione e aperti due Infopoint a Prigionette e Bosa, quest'ultimo gestito direttamente dal Comune. Un risultato inaspettato è si è registrato nel 2019, quando una coppia di Capovaccai - una specie estremamente rara in Italia - si è stabilita e ha nidificato a Punta Cristallo (Alghero). La presenza è stata favorita dalla presenza del carnaio allestito e dalle misure di conservazione attuate con la collaborazione del Parco regionale di Porto Conte. Il pullo è stato ribattezzato "Primo", essendo il primo Capovaccaio nato in Sardegna. La coppia ha nidificato anche quest'anno.

Tutto questo lavoro è stato possibile grazie alla collaborazione delle associazioni ambientaliste, impegnate da decenni nella conservazione del grifone, degli assessorati regionali alla Difesa dell’Ambiente e alla Sanità, della Vulture Conservation Foundation, del Parco naturale regionale di Porto Conte, dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna e dei Servizi veterinari delle ASL di Sassari, Oristano e Nuoro. «La chiave del successo è stata la possibilità di intervenire su più minacce contemporaneamente - spiegano i responsabili del progetto - ma se oggi il grifone in Sardegna vive la sua migliore stagione dagli anni Settanta, è necessario continuare a lavorare senza abbassare la guardia. Guardando verso il cielo la soddisfazione è tanta. E andando a “grifonare” - così abbiamo ribattezzato le uscite per il monitoraggio - la percezione visiva che questa specie stia diventando sempre più il simbolo di questo territorio e del mondo agro pastorale è un motivo di orgoglio per tutti i sardi».
Commenti
18/9/2020
Il rapace, forse sparato, presentava una ferita ad un´ala e non riusciva a più a riprendere il volo. Provvidenziale la segnalazione ai Barracelli di Alghero
17/9/2020
Provvidenziale l´intervento della Sala Operativa del Corpo Forestale Salvato in località Margine Rosso, Quartu Sant’Elena, un esemplare di una tartaruga marina della specie Caretta caretta


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)