Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniSanitàTerapia intensiva, no Covid grazie
Paola Correddu 24 ottobre 2020
L'opinione di Paola Correddu
Terapia intensiva, no Covid grazie


La notizia dell'apertura della terapia intensiva di Alghero, avrebbe dovuto riempirmi di gioia. E invece ha provocato in me solo grande preoccupazione. Preoccupazione perchè un tale evento, atteso da anni, avviene in sordina, senza la presenza delle più alte cariche cittadine, in rappresentanza della comunità tutta, quasi ci fosse qualcosa da nascondere. Preoccupazione perchè, mancando comunicazioni ufficiali, non è dato sapere dove verrà reperito il personale sanitario che dovrà far funzionare il reparto, anche in considerazione della carenza delle figure professionali mediche ed infermieristiche adeguatamente formate. E per ultimo, anche se non ultimo per importanza, sono seriamente preoccupata nell’apprendere che, stando ad indiscrezioni e contrariamente a quanto precedentemente comunicato, sarà un reparto destinato alla gestione e alla cura dei pazienti covid +. Stento a credere che la terapia intensiva dell'Ospedale Civile di Alghero, su cui è stato fatto un consistente investimento economico con lo scopo di consentire il passaggio a DEA di I livello del presidio ospedaliero, possa essere attivata in via provvisoria e limitatamente al perdurare dello stato di emergenza.

E trovo assolutamente penalizzante questa destinazione considerato che il territorio, che ne ha fortemente voluto l'attivazione per fronteggiare i bisogni di salute ordinari della comunità, indipendentemente da questa epidemia, si ritroverà privato del proprio presidio ospedaliero per la gestione di tutte le altre patologie che necessitino di ricovero. Infatti i percorsi ospedalieri per la gestione ed il trattamento dei pazienti positivi al coronavirus devono essere necessariamente separati da tutti gli altri proprio per evitare quella commistione evidentemente avvenuta durante la prima ondata, che ha trasformato l’ospedale SS. Annunziata di Sassari nel principale focolaio della provincia, su cui vi è un’indagine in corso proprio per accertare eventuali responsabilità nella catena di comando riguardo i decessi nel reparto di cardiologia.

Del resto, questa iniziativa dell’ATS appare non conforme a quanto previsto dalla D.G.R. della RAS, la n° 11/17 del 11/03/2020 avente per oggetto il “piano strategico di attivazione progressiva di strutture di area critica nella Regione Sardegna per l’emergenza Coronavirus”, in cui vengono individuate strutture ospedaliere dedicate alla cura dei pazienti contagiati da Covid-19 ed altre dedicate esclusivamente all’assistenza dei pazienti no covid. Nella prima pagina dell’allegato è scritto che si prevede di centralizzare la presa in carico dei casi Covid-19 (Covid+) negli stabilimenti che dispongano sia delle U.O. di Terapia Intensiva, che delle U.O. di Malattie Infettive e delle U.O. di Pneumologia, al fine di contenere il più possibile i trasporti interospedalieri di pazienti infettivi e critici, definendo inoltre una rete di presidi a supporto degli Stabilimenti e delle U.O. Covid+ in grado di garantire il mantenimento della operatività ordinaria verso dei pazienti non interessati al Covid-19 (Covid-).

Nello scenario 2, quello che prevede di portare i posti letto per i covid + a 244, e lo scenario 3, quello che prevede di portare i posti letto a 486, l’Ospedale civile di Alghero è sempre considerato ospedale di supporto ed anche nella tabella finale riassuntiva mai viene identificato come struttura atta ad ospitare pazienti covid +. Può dunque l’ATS operare in difformità rispetto a quanto deciso dalla Giunta Regionale con un documento tutt’ora in vigore? Possono i vertici dell’ATS trasformare un atto dovuto quale è l’attivazione del reparto di terapia intensiva di Alghero, prevista con approvazione della riforma della rete ospedaliera in Consiglio Regionale , in un evento eccezionale e conseguente allo stato emergenziale che stiamo attraversando? Cos’ha da dire il nostro Consigliere Regionale, il nostro Sindaco, le forze politiche di maggioranza e di opposizione?Avete compreso che l’ospedale diventa punto di riferimento per i pazienti covid positivi, i covid negativi dovranno migrare a Sassari perché non sarà possibile garantire percorsi separati?
Commenti
19:02
Le vittime sono cinque residenti nella provincia del Sud Sardegna, quattro nella provincia di Sassari e tre nella Città metropolitana di Cagliari. Dei casi registrati, ne sono stati rilevati 151 attraverso attività di screening e 139 da sospetto diagnostico
23/11/2020
«Dal polso che ho su ciò che accade sul territorio il numero dei positivi è ben più elevato rispetto ai dati che recentemente ci sono stati forniti dall’Amministrazione», dichiara il medico della Guardia medica Paola Correddu, che nei giorni scorsi ha partecipato come rappresentante dell´Associazione “Accabaura” alla Commissione Sanità del Comune di Alghero presieduta da Christian Mulas
21:07
«Da mesi, chiediamo di salvare il laboratorio analisi utile per tutto il Marghine», dichiara Franco Stara, consigliere regionale di Italia viva aderente al gruppo dei Progressisti
17:14
«Al San Francesco dodici nuovi medici: cinque al Pronto soccorso e sette nei Reparti Covid. Le Istituzioni lavorino insieme per vincere la guerra contro la pandemia», affermato Pierluigi Saiu, consigliere regionale della Lega e consigliere comunale di Nuoro, che ieri mattina è stato nel nosocomio per verificarne personalmente la situazione
23/11/2020
Nessuna risposta all´interrogazione protocollata dai consiglieri comunali dei gruppi Futuro Comune, Per Alghero, Partito Democratico, Sinistra in Comune ormai lo scorso 22 ottobre. Ancora gravi problemi di comunicazione in città
12:22
«Quando in Sardegna?», chiede Aldo Salaris, capogruppo in consiglio regionale e coordinatore regionale del partito dei Riformatori Sardi, sull’utilizzo, anche nell´Isola, del plasma iperimmune per fronteggiare l’emergenza Covid-19. Il suo gruppo ha presentato un’interrogazione al governatore Christian Solinas e all’assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu
9:33
Ordinanza del sindaco Gian Vittorio Campus: nel capoluogo turritano arriva il divieto di fumo in spazi dove ci sono altre persone. Prevista sanzione accessoria della chiusura anche per gli esercizi commerciali che non rispettano le norme
23/11/2020
A dichiararlo è Giovanni Baldassarre Spano, in qualità di rappresentante dell´Associazione “Uniti contro la chiusura dell´Ospedale Marino”, che nei giorni scorsi ha partecipato alla seduta on-line della Commissione Sanità del Comune di Alghero presieduta da Christian Mulas
23/11/2020
«L´attuale scenario ci ha costretto a trasferire il Reparto di Oncologia, una scelta che solo un mese fa ritenevamo potesse essere evitata. Non abbiamo, però, rinunciato a garantire ai pazienti le cure di cui hanno bisogno, mantenendo il servizio nelle stesse condizioni», spiega l´assessore regionale della Sanità Mario Nieddu
23/11/2020
«L’attività del Servizio territoriale di igiene pubblica sarà inoltre rafforzato con la destinazione di tre nuovi medici per i prossimi sei mesi, indispensabili per far fronte all’aggravamento di attività causata dall’emergenza Covid», dichiara il presidente del Consiglio regionale Michele Pais


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)