Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariCronacaSanità › Giornata mondiale prematurità: Aou Sassari si colora di viola
Red 16 novembre 2020
Giornata mondiale prematurità: Aou Sassari si colora di viola
Oggi e domani, la facciata della Palazzina Bompiani sarà illuminata. Nell´anno delle restrizioni per il Covid-19, il personale della Neonatologia e Tin lancia un messaggio di speranza con una lettera indirizzata idealmente a tutti i bambini nati troppo presto


SASSARI - Il primo pensiero è sempre stato per i piccoli neonati pretermine perché, anche in questo anno di pandemia, non venisse mai meno la continuità assistenziale e tutti gli accertamenti sanitari previsti per loro. Un pensiero che si rinnova anche in questi giorni, in occasione della Giornata mondiale della prematurità che ricade ogni anno il 17 novembre. Quest'anno, la Neonatologia, Tin e Nido dell'Azienda ospedaliero universitaria di Sassari aderisce all’iniziativa, ma senza quelle iniziative che negli anni l'hanno fatta diventare il reparto dei cittadini, un reparto con una identità forte, fatta di studio, aggiornamento e partecipazione. Nelle passate edizioni della Giornata mondiale della prematurità, infatti, Neonatologia e Tin sono sempre aperte per l'intera giornata alle famiglie, alla società circostante; hanno coinvolto le scuole, con un occhio di riguardo ai bisogni e alle necessità della società multiculturale cittadina e provinciale.

Quest'anno, in considerazione delle limitazioni imposte dal Covid-19, che non consentono l'ingresso nei reparti ospedalieri, l’Aou celebrerà la giornata aderendo alla proposta della Società italiana di neonatologia, di illuminare una propria location con il colore tipico della giornata. E così, a partire da oggi (lunedì), e per tutta la giornata di domani, martedì 17 novembre, l’Aou illuminerà di viola la facciata della storica Palazzina Bompiani. Gli obiettivi della giornata sono quelli noti: sensibilizzare le Istituzioni, i professionisti e la popolazione sul tema dei neonati pretermine, richiamare il valore dell'assistenza e sottolineare l'importanza della prevenzione dei fattori di rischio che possono favorire il verificarsi della prematurità. La ricorrenza è stata istituita nel 2008 dall'European foundation for the care of newborn infants,) che ha così acceso i riflettori sulla problematica dei bambini “nati troppo presto” (“born too soon”).

«Quest’anno, ci siamo trovati a chiedere un enorme sacrificio alle famiglie – afferma il direttore della struttura Giorgio Olzai – che, in qualche modo, ci ha portato a rinunciare a quelle che sono prerogative di una grande famiglia “aperta”». E così sono state limitate le visite dei genitori che prima avvenivano ventiquattro ore su ventiquattro mentre, da marzo, non sono più ammesse le visite esterne dei parenti. «Ci siamo trovati a prendere decisioni e fare scelte che non sono nel nostro Dna – riprende Olzai – perché vedere ridotte le presenze dei genitori in reparto è stata una stretta al cuore. Ma era, ed è ancora oggi, l’unico modo per garantire la sicurezza dei piccoli, oltre che degli stessi genitori e degli operatori sanitari». Una situazione questa che ha spinto il personale della Neonatologia e Tin dell’Aou di Sassari a trasmettere un messaggio di speranza con una lettera, indirizzata idealmente a tutti i bambini pretermine e alle loro famiglie.

«E' un anno scandito dalle rinunce questo – scrivono – dal lavaggio delle mani, dal distanziamento sociale e dalle mascherine chirurgiche. La Terapia intensiva neonatale, in questi giorni addobbata a festa per la “Giornata mondiale della prematurità” è un lontano ricordo. E mai come quest'anno avremmo voluto il nostro reparto pieno zeppo di mamme e bambini di tutte le età, a ricordarci e a ricordarsi quanto un abbraccio e un sorriso possano cambiare la giornata. Il Covid-19 ci ha fatto accettare tanti cambiamenti; da marzo la nostra vita all'interno della Tin è cambiata. È cambiato il concetto di “reparto aperto” per i neogenitori, limitando il numero degli accessi solo alle mamme, è cambiato il modo di vedere le cose. Dai primi di marzo, quando tutto è iniziato, il sentimento prevalente è stato la preoccupazione, verso l'ignoto e verso i nostri piccoli e le loro mamme. Poi, tutto ciò si è trasformato in consapevolezza. Una consapevolezza bella e forte. Il renderci conto che, anche stavolta e non con poche difficoltà, ce l'avremo fatta. C'è l'avremo fatta per noi stessi, per i genitori, ma soprattutto per i bambini. Sono loro che ci insegnano ogni giorno la tanto decantata resilienza; ci insegnano a non arrenderci, anche quando tutto sembra perduto, a guardare in faccia il dolore e le difficoltà e a provare a superarli, a osservare il mondo con occhi diversi, che la vita è bella da qualunque angolo la si guardi. Questi bambini ci insegnano ogni giorno che “anche da una piccola finestra si può guardare il mondo” e mai come quest'anno abbiamo capito che è proprio vero».

Nella foto: la Palazzina Bompiani
Commenti
16:56
Calano ancora i positivi ad Alghero. Rispetto a giovedì scorso 20 casi in meno, ma salgono i ricoveri. Nessuna novità invece dall´Ats sullo screening nelle scuole
7:02
Secondo i dati presenti nella piattaforma regionale, ieri, le persone positive al Coronavirus erano 336, due in più rispetto a venerdì. Quindici i nuovi casi nelle ultime ventiquattro ore. I ricoverati salgono a ventiquattro
23/1/2021
I dati sottoposti ai parametri esistenti provengono dalle regioni. Per tale ragione stupisce lo stupore rappresentato dalle istituzioni regionali sarde, o più precisamente da alcune di esse, avendo letto delle spiegazioni più credibili fornite dall’assessore competente
16:46
Sono invece 472 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+8 rispetto al dato di ieri), sono invece 48 (+3) i pazienti in terapia intensiva
25/1/2021
L'assessore regionale alla Sanità, il leghista Mario Nieddu, chiede la revoca dell'ordinanza che dispone la zona arancione, ma dal Ministero filtrano indiscrezioni poco rassicuranti. Tutti i dati spediti a Roma dalla Regione Sardegna
22:12
«Il San Francesco è un presidio strategico. Dalla Regione c´è attenzione massima», dichiara l´assessore regionale della Sanità, che ha convocato un tavolo urgente con i commissari straordinari dell´Ares-Ats e dell´Assl di Nuoro, nonché con il direttore di presidio del nosocomio
23/1/2021
Lo ha dichiarato il Presidente della Regione, Christian Solinas, che parla di paradosso. «Oggi tutti gli indicatori consentono di mantenere la Sardegna in zona gialla»
24/1/2021
Trenta posti in una superficie di 1300metri quadri nella Stecca bianca di Viale San Pietro, a Sassari. «Darà una risposta forte nella lotta contro il Coronavirus», dichiara il commissario straordinario dell´Aou Sassari Antonio Lorenzo Spano. «Rappresenta la sintesi degli sforzi assistenziali e consentirà agli anestesisti della nostra Scuola un´alta specializzazione», rilancia il direttore di Anestesia e rianimazione Pier Paolo Terragni
23/1/2021
«Anche nel nord Sardegna è opportuno vaccinare subito i volontari della Protezione civile e del 118 e tutte le categorie che sono in prima linea nell´emergenza sanitaria». E´ quanto chiede il consigliere regionale dei Progressisti Antonio Piu in un´interrogazione all´assessore alla Sanità
25/1/2021
Sabato mattina, il sindaco di Alghero Mario Conoci ha ricevuto negli uffici di Porta Terra il rappresentante territoriale dell´Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti Franco Santoro. L´Amministrazione comunale collabora con l´Uici
23/1/2021
Il Comune ha reso noti i numeri dell´emergenza epidemiologica nel suo territorio. Dall´aggiornamento settimanale sui contagi, risulta che si registrano cinquantanove casi positivi, mentre sono diciassette le persone che si trovano in stato di quarantena
30/12/2020
496 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (due in meno rispetto al dato di ieri), mentre è di 44 (-1) il numero dei pazienti in terapia intensiva
29/12/2020
Sono stati 2.489 i test effettuati nelle ultime ventiquattro ore. Salgono di una unità sia il numero dei ricoverati in reparti non intensivi, sia in quelli intensivi. Duecento i nuovi guariti


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2021 Mediatica SRL - Alghero (SS)