Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaSaluteSanità › 5mila chiamate ogni giorno al 118 di Cagliari
Cor 27 gennaio 2021
5mila chiamate ogni giorno al 118 di Cagliari
In commissione Sanità del Consiglio regionale i numeri nascosti dell’emergenza Covid. La commissaria Areus Simonetta Cinzia Bettellini in audizione per fare il punto sul sistema di emergenza urgenza della Sardegna


cagliari - A una settimana dal suo insediamento, la commissaria Areus Simonetta Cinzia Bettellini è stata audita questa mattina dalla commissione Sanità del Consiglio regionale per fare il punto sul sistema di emergenza urgenza della Sardegna, investito frontalmente dalla pandemia. Accompagnata dal medico Giovanni Fois, direttore della centrale Sud Sardegna, la commissaria ha esordito spiegando che «in questi mesi spesso i cittadini hanno chiamato il 118 anche per avere informazioni sanitarie e per essere in qualche modo rassicurati, al punto che la media giornaliera delle chiamate in entrata e in uscita nel 2020 a Cagliari si è assestata oltre 5 mila». La commissaria ha spiegato poi che «come in una vera emergenza il sistema è stato impiegato per il trasporto di persone dializzate e di pazienti positivi al Covid da dimettere o da trasferire. Dunque è stato necessario attivare nuove postazioni di soccorso, aumentare le ore di servizio alle postazioni disponibili e istituire le ambulanze con infermiere (India) e le auto con sirena e medico a bordo».

Il direttore del 118 di Cagliari ha aggiunto: «Abbiamo avuto un incremento annuo di centomila chiamate, arrivando a sfiorare le 980 mila telefonate nel 2020, di cui 558 mila in entrata e 439 mila in uscita, soprattutto verso le postazioni di base ed effettuando circa 150 mila interventi di soccorso, con 100 mila pazienti trasportati». In crescita le attese in ospedale, anche 18 ore per un’ambulanza medicalizzata. In crescita ovviamente i trasporti per patologia infettiva: 7500 casi contro i 1880 del 2019. Il capogruppo del Pd, Gianfranco Ganau, ha segnalato «la necessità che il personale ancora in Ats venga trasferito in Areus, in modo da completare sotto il profilo operativo la riforma dell’emergenza urgenza e il passaggio dal 118 al numero unico 112». Ganau ha chiesto poi che siano rivisti i valori della convenzione con la associazioni e le cooperative: «Sono le tariffe più basse d’Italia e se da un lato possono andare bene per i volontari non vanno bene per le coop, che hanno ben altri costi da sopportare».

Una posizione condivisa da Francesco Agus, capogruppo dei Progressisti, ma anche in maggioranza dal sardista Stefano Schirru. Che ha detto: «E il caso di rivedere tariffe, di pagare i cinque milioni di euro di arretrati del 2019 e 2020 e di rivedere il piano di tutte le postazioni, portandole a svolgere servizio per 24 ore, tutti e sette i giorni e incrementando per quanto ancora necessario le auto mediche e le ambulanze con infermiere. Dobbiamo badare al bisogno degli utenti, non alla indisponibilità delle piccole organizzazioni. E’ importante sottolineare che il 118 è il sistema sanitario che ha funzionato meglio in questa emergenza e bisogna riconoscerlo chiaramente a chi ha garantito tutto questo sino a oggi, dai vertici di Areus passando per i medici, gli infermieri, il personale tecnico e i soccorritori professionali».

Per Mele (Lega Sardegna) «il parco mezzi del 118 è vecchio e serve davvero tecnologia». La consigliera ha chiesto se sia operativo «il collegamento tra le Usca e il 118” e ha sollecitato l’applicazione della riforma del Terzo settore nei rapporti tra Areus e le organizzazioni convenzionate». Anche Eugenio Lai (Leu) ha espresso parole di elogio per l’azienda dell’emergenza: Senza il 118 la Sardegna sarebbe esplosa ed è per questo che va rivista la convenzione, incentivando la professionalizzazione e pagando subito gli arretrati. Il presidente Gallus ha annunciato che nelle prossime settimane la commissione audirà di nuovo la commissaria Bettellini per conoscere la situazione della centrale del nord Sardegna e i dati del servizio di elisoccorso.
Commenti
26/2/2021
L´isola aspira a diventare la prima regione bianca. Contagi in netta diminuzione per tre settimane di seguito, Rt contenuto e terapie intensive ben al di sotto del limite precauzionale del 30%. Cresce l´attesa per le nuove ordinanze del Governo
23:12
Lo chiede il consigliere regionale dei Progressisti Antonio Piu in un´interrogazione rivolta al presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solnas e all´assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu
18:01
Sono 224 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (cinque in meno rispetto a ieri), mentre restano ventidue i pazienti in Terapia intensiva. 140 i guariti nelle ultime ventiquattro ore
17:15
E´ stata completata ieri pomeriggio la somministrazione della prima dose del vaccino anti Covid-19 in tutte le Rsa e Case di riposo dell’ambito territoriale dell´Asl Sassari
9:56
La Maddalena sarà blindata da oggi (venerdì) a partire dalle ore 14 per 7 giorni, eventualmente prorogabili. «Dobbiamo chiudere adesso per preservare il dopo» ha detto il sindaco, Fabio Lai
25/2/2021
Terminata la sanificazione, da domani mattina si riprende la didattica in presenza nelle scuole di Olbia dove alcune persone sono risultate positive al Covid-19
25/2/2021
Sono 229 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (nove in meno rispetto al dato di ieri), mentre salgono da ventuno a ventidue i pazienti in Terapia intensiva (+ uno). 149 i guariti nelle ultime ventiquattro ore
11:03
A rilevarlo è una ricerca del Centro studi ImpresaLavoro di Massimo Blasoni. A ieri, le somministrazione delle dosi di vaccino alle persone dagli 80 anni in su sono 5.501 su 77.207 (pari al 7percento)
14:23
Concluso lo screening sui dipendenti e la disinfezione dei locali. Il provvedimento di chiusura si era reso necessario a seguito di alcuni casi di Covid-19
13:11
«Nel Nuorese e in Ogliastra le dosi non sono sufficienti per medici e odontoiatri liberi professionisti», dichiara il consigliere regionale del Partito democratico Salvatore Corrias, che chiede chiarimenti all’assessore regionale della Sanità Mario Nieddu
24/2/2021
Sono 238 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (nove in meno rispetto a ieri), mentre scendono da ventiquattro a ventuno i pazienti in Terapia intensiva (- tre). 174 i guariti nelle ultime ventiquattro ore
24/2/2021
Duro intervento del gruppo dei Progressisti in consiglio regionale sui continui annunci, sempre disattesi, sul piano vaccinale alla popolazione: «Le incognite sono troppe»
24/2/2021
Conferenza territoriale socio sanitaria Asl Sassari, screening e vaccini al centro dell’incontro con i sindaci. Collegati da remoto anche il direttore del Distretto di Ozieri, Antonio Saba, il presidente dell’Ordine dei Medici della provincia di Sassari, Nicola Addis, e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali
24/2/2021
Da domani, niente didattica in presenza in alcune scuole della città, dove alcune persone sono risultate positive al Covid-19. Le scuole interessate sono le primarie di Via Vignola e di Via Vicenza, la media di Via Veronese e la scuola dell’infanzia Sacra Famiglia
24/2/2021
La struttura di Microbiologia e virologia è stata fondamentale nell’individuazione dei casi a Bono e di altri sospetti nel Nord Sardegna. Con un nuovo macchinario pronta a sequenziare l’intero genoma del virus
24/2/2021
Ottanta persone, tra ospiti e operatori, hanno già ricevuto il vaccino nella Casa di accoglienza cagliaritana. Giovedì, verranno somministrate altre settanta dosi
29/12/2020
Sono stati 2.489 i test effettuati nelle ultime ventiquattro ore. Salgono di una unità sia il numero dei ricoverati in reparti non intensivi, sia in quelli intensivi. Duecento i nuovi guariti


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2021 Mediatica SRL - Alghero (SS)