Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaParchi › Caos su Punta Giglio, l´Udc difende il Parco
Cor 20 marzo 2021
Caos su Punta Giglio, l´Udc difende il Parco
Il direttivo cittadino dell´Udc Alghero difende l´operato dei vertici di casa Gioiosa nell´intricata vicenda autorizzativa sull´intervento in corso di realizzazione nel compendio di Punta Giglio. Di seguito la nota stampa


ALGHERO - Il direttivo cittadino dell'Udc Alghero (partito che ha indicato l'attuale presidente del Cda del Parco di Porto Conte, Raimondo Tilloca ndr), preso atto del dibattito costruttivo apertosi in città in relazione alla ristrutturazione e rivalorizzazione del compendio di Punta Giglio, plaude all'interessamento del comitato spontaneo costituitosi a difesa di quella parte del territorio in argomento, «dal quale si evince la sensibilità di attenzione verso le bellezze naturalistiche storiche ed architettoniche del nostro territorio espresso ultimamente anche attraverso diversi comunicati a mezzo stampa».

Si desidera, comunque, evidenziare che dalla lettura della documentazione resa pubblica giorni addietro dall'Ente Parco - sottolineano in una nota i dirigenti - si evince che la vicenda amministrativa, il cui percorso inizia nel luglio 2017, viene gestita dal Demanio dello Stato in quanto proprietario. Alla concretizzazione di quanto previsto dal bando, nel luglio 2017 veniva stipulata a Cagliari apposita convenzione tra l'Agenzia del Demanio - Direzione Regionale Sardegna e l'Amministrazione Comunale di Alghero. «Sarebbe stato ragionevole ed opportuno far osservazioni in merito alla tutela ambientale in quella fase. Siamo convinti che il bene demaniale sarebbe stato più utile se trasferito in capo al Parco per un miglior uso pubblico e per una visione naturalistica, storica e paesaggistica d'insieme con tutto il resto del territorio. Purtroppo tutto questo non è avvenuto sebbene richiesto, sin dal lontano 2008 dall'allora Presidente del Parco dottor Antonello Usai e la disponibilità dichiarata dall'allora sottosegretario Cossiga».

«Il continuo cambio delle amministrazioni locali, nazionali e del Parco, non ha consentito di realizzare l'obbiettivo che l'amministrazione del Parco si era proposta ma l'Udc ritiene ancora oggi che l'affidamento del compendio militare di Punta Giglio al Parco Regionale di Porto Conte sarebbe stata la soluzione migliore». L'Udc ritiene, infine, che il Consiglio di amministrazione del Parco, per quanto di sua competenza e tramite la propria direzione ha svolto appieno le sue funzioni di vigilanza e salvaguardia ambientale entrando nel merito del progetto, richiedendone una drastica rimodulazione con una forte attenzione all'ambiente derivante dall'eccessivo carico antropico previsto nel progetto iniziale presentato in conferenza dei servizi dalla cooperativa dove erano presenti anche i rappresentanti del Comune di Alghero, i rappresentanti della Soprintendenza Archeologica delle belle arti e paesaggio, l'ufficio di tutela del paesaggio regionale, il corpo forestale della Regione nonché i rappresentanti della cooperativa aggiudicataria del bando attivato dal Demanio dello Stato.

«Non si comprende perché oggi ci si scagli, spesso strumentalmente, solo contro il Parco che ha svolto diligentemente il suo compito, quando la proprietà del compendio ex militare è in capo al Demanio dello Stato che ha gestito in "senso privatistico" il proprio bene attivando apposita convenzione con l'amministrazione comunale allora in carica, e le autorizzazioni urbanistiche sono state rilasciate dal comune di Alghero sulla base della conferenza dei servizi ove erano presenti tutte le amministrazioni summenzionate. Ora a meno di estenuanti contenziosi amministrativi e richieste di rifusione di onerosi danni sia a livello amministrativo che contabile sembra del tutto improbabile se non impossibile ritornare indietro. Il Parco di Porto Conte come si può desumere è stato sempre presente: viene spontaneo chiedersi dove fossero gli altri che oggi protestano in maniera più o meno condivisibile o strumentale» conclude la nota del direttivo dell'Udc di Alghero.
Commenti
16:00
La parlamentare algherese del Movimento 5 Stelle, Paola Deiana, annuncia di aver preso contatti con la Borgosesia Spa, società che detiene anche una vasta area tra Cala Dragunara a Pischina Salida
21/4/2021
Nel giorno dell´assemblea del Parco, nuovo affondo: «inutili sotterfugi semantici per ristorante e piscina». Di seguito la nota integrale a firma dei portavoce del Comitato Alghero per Punta Giglio Paola Correddu e Sara Piga
21/4/2021
Sopralluogo congiunto nella giornata di martedì dei funzionari della Regione con l´ente Parco, il Comune di Alghero e la cooperativa che porta avanti la realizzazione del Rifugio di Mare sulla falesia di Punta Giglio. Richieste numerose integrazioni
21/4/2021
Presa di posizione pubblica della Cgil Provinciale, dello Spi Cgil Provinciali e "Spi Cgil Lega Bassa" Nurra sulla vicenda della realizzazione del Rifugio di Mare a Punta Giglio: «il progetto, peraltro già ridimensionato rispetto a quello iniziale, ha travalicato lo spirito della normativa di riferimento, nella parte che riguarda l’utilizzo dell’immobile e del sito stesso»


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2021 Mediatica SRL - Alghero (SS)