Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariCronacaSanità › Screening: i bambini in Cardiologia
Red 11 novembre 2019
Screening: i bambini in Cardiologia
Ha preso il via il progetto “Un minuto per la vita”, che coinvolgerà mille alunni delle prime classi delle scuole Primarie di Sassari. Per il prossimo anno, si pensa di allargarlo a livello provinciale


SASSARI – Sono entrati in fila per due, mano nella mano, occhi vispi e tanta curiosità. Hanno percorso il corridoio degli ambulatori, hanno salutato medici ed infermieri e hanno, da subito, preso “possesso” della sala giochi del reparto. Con loro, due maestre delle classi prime della scuola Primaria di Li Punti e cinque mamme. Sono i primi alunni delle scuole cittadine. che hanno aderito al progetto “Un minuto per la vita”, il progetto della Cardiologia pediatrica dell'Aou di Sassari, che ha l'obiettivo di individuare eventuali patologie che costituiscono un fattore di rischio per morte improvvisa. I primi sedici bambini sono arrivati a bordo di uno scuolabus messo a disposizione dall'Atp. Nella sala giochi-d'attesa hanno aspettato il loro turno, sotto gli occhi vigili delle maestre e delle mamme. E poi, uno per volta, accompagnati dalle infermiere e dalle dottoresse della Cardiologia pediatrica, con tutta tranquillità si sono sottoposti all'Ecg ed alla visita. Infatti, il progetto prevede una visita cardiologica ed un Ecg ai bambini delle sole prime classi delle scuole Primarie. E così, tutti i venerdì, fino a maggio 2020, per un giorno alla settimana, i medici saranno impegnati nello screening di una-due classi per volta, a seconda del numero dei bambini. Il progetto prevede il controllo di circa mille alunni di quarantaquattro prime elementari dei nove istituti comprensivi della città.

«Questo progetto – ha dichiarato il responsabile del reparto di Cardiologia pediatrica Mario Pala – rappresenta una sfida per la Cardiologia moderna. Molte morti che noi chiamiamo di tipo elettrico, sono di origine cardiaca e la causa va individuata semplicemente con l'elettrocardiogramma, un esame che, a cent'anni dalla sua invenzione, è validissimo per individuare questo tipo di patologie». L'iniziativa nasce quindi dalla volontà di prevenire la morte cardiaca improvvisa che, al giorno d'oggi, rappresenta circa il 45percento delle morti di origine cardiovascolare. Si tratta di una prima ed importante esperienza, perché può considerarsi un vero e proprio screening di massa che, in Sardegna, non è mai stato fatto su bambini in tenera età. Inoltre, il progetto mira a individuare eventuali cardiopatie congenite e, se necessario, avviare i piccoli pazienti ad ulteriori accertamenti.

«Contiamo di presentare questo progetto anche il prossimo anno – ha aggiunto Pala – con l'obiettivo di estendere questa attività di prevenzione agli alunni delle prime classi delle scuole della provincia. Un progetto ambizioso, che pensiamo di portare avanti anche con il contributo di privati. Tra questi, il gruppo folk San Nicola di Sassari che, il 25 gennaio, con lo spettacolo in programma al Teatro Comunale, si è messo a disposizione per una raccolta di fondi per l'acquisto di macchinari utili agli esami cardiologici. Un contributo potrà arrivare anche dalla Conad di Sassari, che si è resa disponibile a co-finanziare l'iniziativa a respiro provinciale, assieme ad altri privati». Il progetto vede coinvolte la Cardiologia pediatrica dell'Azienda ospedaliero universitaria di Sassari, il Comune di Sassari, l'Atp e la Fondazione di Sardegna.
Commenti
15:05 video
«Gli algheresi attendono risposte». L'ex sindaco di Alghero interviene e chiede serietà. Pronti al dialogo ed alla discussione sul futuro dell'ospedale Marino e dell'Ortopedia ma serve un progetto condiviso con gli operatori e definito per rilanciare la sanità del territorio. L'intervista con Mario Bruno sul Quotidiano di Alghero
10:06
Presidio ospedaliero di Alghero, la ASSL Sassari impegnata contro la carenza di personale medico: L´azienda conferma il blocco della chirurgia all´ospedale civile
18:37
Il gruppo “Uniti contro la chiusura dell’Ospedale Marino”, dopo aver appreso dalla nota con la quale la Quarta commissione presieduta da Domenico Gallus ha prospettato la possibile inclusione dell’Ospedale “Regina Margherita” nel sistema dell´Aou Sassari, ha deciso di pronunciarsi in proposito
4/7/2020 video
«Così si rilancia e rivitalizza l´Ospedale Marino di Alghero e si scongiura ogni mira speculativa. Il progetto è quello di realizzare un centro di riferimento regionale per la chirurgia robotica ortopedica, un´opportunità enorme per il territorio». Michele Pais fa chiarezza intorno all´idea di inserire il Regina Margherita nell´Aou Sassarese. Le sue parole
4/7/2020
Convergenza e unione d´intenti sulla sanità del territorio tra Forza Italia e tutti i gruppi di opposizione ad Alghero. «Si apra la discussione sulla possibilità di passaggio dell´ospedale Marino all´Azienda universitaria sassarese»
4/7/2020
«Lunedì prossimo le Sigle confederali incontreranno ancora una volta l’assessore alla Sanità Nieddu, che martedì scorso era stato informato, dalla Fp Cgil della imminente possibilità di chiusura ma è stato evidentemente un buco nell’acqua», annuncia Paolo Dettori, della Fp Cgil
5/7/2020
Allestita una nuova sala d´aspetto su Via Padre Manzella. Agli ingressi delle strutture sanitarie sono stati installati termo-scanner per il controllo automatico della temperatura. Al Clemente tre gazebo per riparare l´utenza in attesa
11:11
«A partire dal 10 luglio, accogliendo la richiesta dell’assessore alla Sanità della Regione Sardegna, Mario Nieddu, la Difesa invierà tre medici militari della Marina militare», ad annunciarlo è il sottosegretario alla Difesa, con delega alla Sanità militare, Giulio Calvisi


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)