Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaCronaca › Reddito di cittadinanza: tre furbetti ad Alghero
Red 14 dicembre 2019
Negli ultimi mesi, i militari del Comando provinciale della Guardia di finanza di Sassari hanno scoperto nove casi di indebita percezione del Reddito di cittadinanza, per oltre 10mila euro. Tra questi, un operaio edile, un addetto ad una discoteca ed un barista nella Riviera del corallo
Reddito di cittadinanza: tre furbetti ad Alghero


ALGHERO - Il Comando provinciale della Guardia di finanza di Sassari, nel corso degli ultimi mesi, ha ulteriormente intensificato su tutto il territorio di competenza i controlli sulle cosiddette “prestazioni sociali agevolate” (ovvero, sui sussidi concessi a cittadini in condizione economica e sociale svantaggiata), con particolare attenzione al reddito di cittadinanza. Il lavoro delle Fiamme gialle si è concretizzato in sedici controlli sulla nuova misura di politica attiva del lavoro e di contrasto alla povertà scoprendo nove persone che percepivano il sussidio senza averne diritto.

Nella maggior parte dei casi, le persone sono state trovate a lavorare “in nero”: è il caso di un operaio edile e di un addetto ad una discoteca ad Alghero, di un barista e di una cameriera a Sassari ed in un paese dell’hinterland e di un aiuto pizzaiolo ed un lavapiatti in Gallura. In un’occasione, un ragazzo era stato regolarmente assunto in un bar di Alghero, ma non aveva comunicato all’Inps di aver trovato un impiego, mentre due donne a Tempio Pausania avevano “dimenticato” di informare l’Istituto di previdenza sociale che tre componenti dei propri nuclei familiari avevano iniziato un’attività lavorativa. Le posizioni irregolari sono state segnalate all’Autorità giudiziaria ed alla Direzione provinciale Inps di Sassari competente per la revoca del beneficio e per il recupero delle somme indebitamente percepite, quantificate in oltre 10mila euro.

Le variazioni reddituali e patrimoniali, infatti, vanno comunicate all’Inps nelle tempistiche previste dalla legge, pena l’immediata revoca del sussidio, con conseguente restituzione degli importi percepiti indebitamente e la denuncia all’Autorità giudiziaria nel caso di omissione o false dichiarazioni, punite con la reclusione da uno a tre anni. Anche i redditi provenienti da attività irregolari, come nel caso del lavoro “in nero”, una volta accertati, causano la decadenza del beneficio. I finanzieri, in tutti i casi, hanno concentrato l’attenzione sulla veridicità dei dati delle autocertificazioni presentate, vale a dire sulle informazioni che non emergono dalle verifiche automatiche delle istanze, ma che possono essere scoperte solo attraverso l'incrocio dei dati acquisiti nell’ambito di tutte le attività istituzionali con le banche dati in uso al Corpo.
17:32
La tragedia davanti agli occhi degli studenti nel corridoio della facoltà di Medicina alla Cittadella universitaria di Monserrato. Martedì i funerali ad Alghero
25/1/2020
Ieri, i militari della Guardia costiera di Alghero hanno sequestrato tredici bottigliette contenenti polpa di riccio di mare confezionate illegalmente. Si tratta di un totale di 3chilogrammi. di prodotto ricavato dalla “lavorazione” di circa 1500 esemplari. Elevate le previste sanzioni amministrative
25/1/2020
Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, la Seconda Compagnia di Cagliari ha concluso una verifica fiscale nei confronti di un professionista del capoluogo operante nel campo tributario, che non ha dichiarato, per gli anni d’imposta 2015 e 2016, ricavi per oltre 269mila euro
25/1/2020
Nei guai tre ragazzi di Sassari. Si tratta di giovani peraltro pregiudicati, per i quali è stata chiesta all’Autorità Giudiziaria l’emissione della misura restrittiva
25/1/2020
Tenta di incendiare le auto di una concessionaria di Olbia. Denunciato un 38enne di Senorbì con l´accusa di minacce ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni
24/1/2020
Ieri sera, al termine di un´intensa attività investigativa, i Carabinieri della Compagnia di Ozieri hanno denunciato in stato di libertà un 24enne, già noto alle Forze di polizia, cui è stato contestato il reato di ricettazione
10:30
E´ morto così un turista di 42 anni della Repubblica Ceca. Solo a tarda notte ultimate le operazioni per recuperare il cadavere da parte dei vigili del fuoco
Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)