Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariCronacaSanità › 51 denunce delle Fiamme Gialle nel Cagliaritano
Cor 24 marzo 2020
51 denunce delle Fiamme Gialle nel Cagliaritano
Le attività hanno riguardato in particolar modo l’osservanza delle limitazioni alle aperture degli esercizi commerciali nonché dei divieti di spostamento delle persone fisiche legati all´emergenza Covid-19


CAGLIARI - In attuazione delle intese assunte in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tenutosi nei giorni scorsi presso la Prefettura, le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Cagliari hanno intensificato le attività di verifica sull’osservanza dei divieti imposti dal Governo, volti a contenere la diffusione del Covid-19, meglio noto come “Coronavirus”. Le attività hanno riguardato in particolar modo l’osservanza delle limitazioni alle aperture degli esercizi commerciali nonché dei divieti di spostamento delle persone fisiche.

In questi ultimi giorni, militari del Comando Provinciale, hanno eseguito complessivamente 2040 controlli alle persone e 34 agli esercizi commerciali, rilevando, nel complesso, 51 situazioni in relazione alle quali è scattata la denuncia a piede libero per violazione dell’articolo 650 del c.p. (inosservanza di un ordine impartito dalla pubblica autorità). In più di una circostanza, i Baschi Verdi della 2^ Compagnia di Cagliari sottoponendo a controllo diversi soggetti trovati ben lontano dalle proprie abitazioni con la motivazione di voler “uscire per fare una passeggiata” o “incontrare un amico”, insospettiti dall’atteggiamento eccessivamente guardingo mostrato, hanno approfondito le circostanze ed appurato che la reale finalità della loro presenza all’aperto era legata allo spaccio o all’approvvigionamento di sostanze stupefacenti.

Quattro soggetti sono stati così segnalati all’Autorità Giudiziaria per inosservanza delle disposizioni emergenziali volti ad arginare l’attuale epidemia: per uno di loro si è anche aggiunta l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti, mentre per le altre tre è scattata la segnalazione, quali assuntori, alla locale Prefettura. Nelle varie circostanze sono stati sequestrati, in totale, 10,6 grammi di marijuana e 11,8 grammi di hashish. Sempre i Baschi Verdi hanno sottoposto a controllo una pizzeria da asporto del capoluogo trovata aperta nonostante il divieto. I militari hanno denunciato il titolare dell’esercizio commerciale (segnalato anche all’Autorità Prefettizia che potrà irrogare la sanzione accessoria della chiusura dell’attività da 5 a 30 giorni), unitamente al cliente, il quale, “avendo voglia di una pizza” ha ritenuto opportuno recarsi presso la pizzeria ed acquistarne una.

I militari della Tenenza di Sarroch, a Pula, hanno proceduto al controllo di un venditore ambulante di abbigliamento di origine senegalese e residente a Cagliari, in possesso sia di regolare permesso di soggiorno che di licenza commerciale ma risultato intento a svolgere la propria attività di vendita, in totale violazione dei divieti vigenti, in quanto non rientrate tra quelle consentite dal citato DPCM dell’11 marzo 2020. Anche per lui, oltre la denuncia penale, è scattata la violazione amministrativa connessa al mancato rispetto dell’obbligo di chiusura.

Ad Assemini una ragazza nigeriana residente a Cagliari è stata anch’essa denunciata in quanto si trovava fuori dalla propria abitazione, con la scusa di voler andare a mangiare qualcosa da una propria amica. Anche il litorale del Sarrabus è stato oggetto di specifici controlli che hanno portato alla denuncia di 10 soggetti. Cittadini della zona, residenti a San Vito, a Castiadas ma anche a Cagliari e Sestu, che, complice il bel tempo si sono recati in spiaggia (Cala Sinzias come Campulongu) come in una normale giornata primaverile. “Voglia di farmi un bel bagno”, di “passare qualche ora spensierata”, oppure “andare a pesca”: queste le giustificazioni fornite ai militari. Tra i controllati anche una signora proveniente dalla Lombardia, la quale, anch’essa con la motivazione di fare un bagno, ha peraltro violato la disposizione che le imponeva l’isolamento fiduciario precauzionale in quanto proveniente da fuori isola.
Commenti
17:15
I decessi aumentano in seguito alle verifiche che hanno portato all´inserimento di un decesso avvenuto ad aprile e non conteggiato precedentemente. Nessun caso di positività registrato nelle ultime settantadue ore. E´ il dato aggiornato ad oggi in Sardegna dove, in totale, sono stati eseguiti 51.968 test. I pazienti ricoverati in ospedale sono in tutto quarantatre, di cui due in terapia intensiva
21:02
Si conferma al 3percento l´incidenza dei positivi nella popolazione sanitaria che ha effettuato lo screening. L´Azienda ospedaliero universitaria ha scelto di precisare la situazione contro dubbi e false notizie diffuse sui social network
25/5/2020
«Meno igienici, se non cambiati di frequente. Molto meglio lavarsi o igienizzarsi spesso le mani», dichiara il sindaco Settimo Nizzi, che annuncia di aver anticipato «di qualche giorno le aperture domenicali e festive delle attività: da oggi potranno osservare il loro normale orario e restare aperte già da domenica 30 maggio, così come il 2 giugno»
12:29
I consiglieri regionali del Partito democratico hanno presentato un documento sulla necessità che, con l´avvio della Fase 2, si provveda «con urgenza alla definizione di trattamento e accoglienza dei turisti asintomatici Covid-positivi, comunque costretti alla quarantena, e dei cittadini sardi che, nelle stesse condizioni, abitassero in case non idonee all´isolamento e sulla necessità di riorganizzazione di tutta la rete ospedaliera, nonché degli spazi e dei percorsi negli ospedali e nei pronto soccorso»
7:22
«La prevalenza dei positivi tra gli operatori è inferiore alla media nazionale. Vincenti le strategie adottate nel tempo», dichiarano dagli uffici dell´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari
25/5/2020
All´incontro, organizzato nella Sala Angioy della Provincia di Sassari, il commissario dell´Azienda ospedaliero universitaria Giovanni Maria Soro ha illustrato le strategie per l´apertura graduale dei reparti e degli ambulatori
25/5/2020
«La ripresa delle attività svolte da questi centri – spiega l´assessore regionale della Sanità Mario Nieddu – è di grande importanza sia per gli utenti, sia per le loro famiglie. Lo stop, reso necessario per favorire l´isolamento e abbattere la circolazione del virus, ha inciso profondamente sulla qualità della vita delle persone, in particolare dei soggetti più fragili»


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)