Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniSanitàPer un Csm che funzioni, servono le istituzioni
Elisabetta Boglioli 15 luglio 2020
L'opinione di Elisabetta Boglioli
Per un Csm che funzioni, servono le istituzioni


Fin dal momento della sua costituzione,per volontà di tanti familiari, Il Labirinto, associazione per la tutela della salute mentale, tenendo fede al proprio statuto, ha profuso il proprio impegno perché, alla luce dei dettami della Lg.180 /78 (la Legge Basaglia), che prevede la Riforma della psichiatria, la vita dei sofferenti mentali e delle loro famiglie trovasse la giusta attenzione. Con amarezza, vediamo che nella realtà cosi non è. Allo scopo di sensibilizzare le Istituzioni e l’opinione pubblica, abbiamo organizzato, nel tempo, convegni riguardo la salute mentale, che hanno visto la partecipazione di psichiatri e operatori del settore di fama nazionale e non solo. Abbiamo visto alternarsi diversi assessori regionali alla Sanità, diversi direttori generali delle Asl, diversi capi Dipartimento, si sono succedute diverse Amministrazioni comunali ai quali l’associazione ha chiesto con forza e determinazione che la situazione del Centro di salute mentale di Alghero fosse oggetto di interventi utili a consentire a questo servizio di operare al meglio per offrire cure, sostegno a chi soffre di disagio psichico e alle rispettive famiglie. Ad oggi, la situazione non è migliorata.

La grave carenza di personale che da tempo affligge il Csm di Alghero, psichiatri, psicologi, educatori che mancano, fa si che il servizio offerto, non sia adeguato ai bisogni di chi a questo servizio è costretto a rivolgersi. Non tutti sanno che gli operatori del Csm di Alghero hanno in carico il Csm di Thiesi, che li costringe settimanalmente a spostarsi, con grave disagio per l'utenza algherese. Non tutti sanno che a causa di queste carenze, l’assistenza ai pazienti viene dilazionata nel tempo, con grave rischio per la salute degli stessi. Il paventato spostamento del Csm di Via P.Paoli, presso i locali di Via E.Costa, rappresenta una ulteriore penalizzazione per gli utenti. Non tutti sanno che i locali di Via E.Costa sono destinati alla presenza del Centro Diurno, nato con la priorità di favorire la riabilitazione dei pazienti afferenti al Csm attraverso varie attività. Se si verificherà questa evenienza, quale alternativa?

In questi anni, l’Associazione Il Labirinto, nonostante l’impegno anche di denuncia, ha visto vanificare le richieste rivolte a chi ha il dovere morale oltre che istituzionale, di prestare attenzione a persone fragili, che necessitano di attenzioni particolari, che comunque sono parte di questa società, e alle loro famiglie, abbandonate a se stesse spesso nella incapacità di gestire un grave problema come il disagio psichico,che comporta da parte delle stesse un impegno finanziario per sopperire alle esigenze di una disabilità. Esiste a livello regionale la Lg.20/97, che consiste in un sussidio economico erogato dai Comuni rivolto esclusivamente a favore di persone che soffrono di disagio psichico, che spesso si trasforma in un sostegno economico alla famiglia e non può essere utilizzato per altro. Come associazione, abbiamo cercato di sopperire alle carenze delle Istituzioni offrendo ai nostri ragazzi varie occasioni alternative alla solitudine e all’isolamento. Tra i vari progetti, ultimo ma non ultimo, il Laboratorio musicale che, grazie alla disponibilità della Presidenza e dei docenti del Liceo Musicale “G.Verdi” di Alghero, li vede impegnati nell’apprendere l’uso di strumenti che l’Associazione ha potuto acquistare grazie a una donazione. Queste esperienze favoriscono l’integrazione e li aiuta ad acquisire la consapevolezza che nessuno è diverso. Però manca il sostegno delle Istituzioni. Siamo a conoscenza che la Giunta regionale si appresta ad approvare la riforma delle Assl. Parliamo di salute. Fiduciosi, nutriamo l’auspicio che nel deliberare, chi di dovere ricordi che tutti i cittadini hanno pari diritti e vengano tenuti nella giusta considerazione a qualunque categoria essi appartengono.

* per il Direttivo della Associazione Il Labirinto, il presidente
Commenti
19:03
Salgono a 1.427 i casi di positività- Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale, si registrano nove nuovi casi, di cui due migranti arrivati in Sardegna con gli ultimi sbarchi. Cinque casi rilevati nella Città metropolitana di Cagliari, due nel Sud Sardegna, uno a Nuoro ed uno a Sassari
22:04
Si è conclusa martedì, a Nuoro, la formazione per i primi quindici medici di emergenza territoriale, previsti nel bando di Areus pubblicato ad agosto 2019. Entro l’autunno, saranno in tutto sessanta i medici che ultimeranno il percorso formativo
12:29
Consegnate dall´associazione “La nobile stanziale” le apparecchiature che saranno utili nella gestione delle attività del reparto dell´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari
3/8/2020
Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale, si registrano altri due casi positivi: una turista elvetica già rientrata a casa da Sassari ed un bulgaro attualmente in isolamento fiduciario a Cagliari
4/8/2020
Lo ha dichiarato l´assessore regionale della Sanità Mario Nieddu, commentando il progetto nato dalla sinergia tra Regione autonoma della Sardegna, Ministero della Difesa, la Rete di solidarietà Ad Adiuvandum, con le associazioni ed altri soggetti promotori, presentato ieri a Cagliari
3/8/2020
«Puntiamo a rilanciare due presidi importanti, non solo per il proprio territorio di riferimento, ma anche per il contributo che potranno dare alle altre strutture, in particolare dell´area metropolitana», dichiara l´assessore regionale della Sanità Mario Nieddu


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)