Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAmministrazione › «Un condannato in Meta, scelta incauta»
Cor 2 novembre 2019
Le riflessioni della segreteria del Psd´Az sulla nomina di Andrea Delogu nel Cda della Fondazione sono una vera e propria bomba politica per la coalizione che governa ad Alghero, destinate a lasciare più di un segno. «Il partito trova assolutamente incauta la scelta operata e portatrice solo di un inutile logoramento politico»
«Un condannato in Meta, scelta incauta»


ALGHERO - Problemi, non da poco, in Maggioranza per Mario Conoci. Che la nomina del nuovo Consiglio d'Amministrazione della Fondazione ex Meta si trascinasse enormi malumori all'interno della coalizione che amministra ad Alghero, era cosa abbastanza nota visti anche i ritardi nell'indicazione e il generale immobilismo che attanaglia la città. Se poi ad acuirli è addirittura il Psd'Az di cui il sindaco è stata chiara espressione elettorale, la situazione inizia ad essere pesantemente incrinata, tanto da non lasciar intravvedere all'orizzonte niente di buono. Di seguito le «riflessioni» in formato integrale inoltrate agli organi d'informazione dal segretario della sezione del Partito Sardo d'Azione di Alghero, Giuliano Tavera, sulle recenti nomine del Cda della Fondazione.

Dopo un periodo ritenuto eccessivamente lungo da tutti i cittadini algheresi, in data 31.10.2019 con il decreto n. 50, l’amministrazione in carica ha ufficializzato la nomina del CdA della Fondazione Alghero. L’organismo è di vitale importanza nella gestione turistica della città, specie poiché amministra siti di indiscutibile pregio come le grotte di Nettuno. Questa attrazione del territorio algherese infatti richiama migliaia di visitatori ogni anno e genera una voce importante nei bilanci della fondazione, nonché della stessa amministrazione comunale. Tuttavia leggendo la composizione del CdA, necessita esprimere una dovuta riflessione circa la nomina di uno specifico componente. Il Dott. Andrea Federico Delogu, infatti, come facilmente evincibile da una semplice ricerca sugli organi di stampa del passato, fu raggiunto nel febbraio dello scorso anno da un provvedimento dell’autorità giudiziaria, il quale aveva ad oggetto il crac dell’Hotel Capo Caccia di Alghero.

La sentenza di primo grado aveva visto il neo presidente destinatario di una condanna a tre anni e sei mesi di reclusione, nonché della dichiarazione d’inabilità all’esercizio di un’impresa commerciale e di incapacità al ricoprire ruoli direttivi nelle stesse, per la durata di dieci anni. A questo provvedimento si aggiungeva l’interdizione dai pubblici uffici per la durata di cinque anni. Chiaramente si tratta di una sentenza di primo grado e senza voler fare del giustizialismo di bassa lega, si confida che la posizione del Dott. Delogu verrà chiarita in appello. Tuttavia resta il problema dell’opportunità politica di nominare un soggetto gravato dall’onere di dimostrare l’infondatezza di fatti gravi, che può essere facilmente esposto ad attacchi strumentali dell’opposizione, in grado d’inficiare il ruolo di presidenza. Ora viene spontaneo chiedere al Dott. Conoci se nonostante il lungo tempo trascorso, queste semplici considerazioni potessero essere fatte prima della nomina del CdA, trovando ad esempio soluzioni alternative.

È possibile che non vi fossero altri candidati non parimenti attaccabili o per i quali non potessero sorgere delle legittime riserve? A quanto pare no. Con buona pace per la precipua applicazione del manuale Cencelli, tale prevedibile situazione riguardava solo il buonsenso. La sezione del PSd'AZ algherese trova infatti assolutamente incauta la scelta operata e portatrice solo di un inutile logoramento politico. Rimarcando il fatto che tale intervento non costituisce una delegittimazione del Dott. Delogu, che senz’altro chiarirà il suo caso nei restanti gradi di giudizio, si specifica come si tratta si una questione di opportunità politica, che semplicemente avrebbe meritato una scelta di maggior buonsenso da parte dell’esecutivo algherese, proprio per il ruolo importante rivestito dalla Fondazione Alghero.


Nella foto d'archivio: Andrea Delogu (Fi)
Commenti
23/1/2020
Milletrecento euro a titolo di risarcimento, così da evitare l´iscrizione a ruolo del ricorso da parte di un cittadino che chiedeva lumi sulle procedure per l´arruolamento ai Barracelli di Alghero. Mimmo Pirisi annuncia una dettagliata interrogazione
12:27
Il Comune di Alghero è entrato a far parte del sistema nazionale dell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente. Si affinano così alcuni adempimenti anagrafici relativi alla gestione della popolazione
23/1/2020
Il Comune di Sassari ha pubblicato sul suo sito internet istituzionale un avviso pubblico rivolto ai proprietari di abitazioni per acquisire manifestazioni d´interesse a mettere a disposizione gli immobili in locazione in favore delle famiglie Rom per il superamento dell´emergenza abitativa
23/1/2020
Procedura aperta per l´aggiornamento del Piano Triennale Anticorruzione e della Trasparenza e dell´Integrità - Triennio 2020/2022. Osservazioni utili per l´elaborazione del Piano, entro e non oltre le ore 13.00 del giorno 31 gennaio 2020
22/1/2020
Il sindaco Mario Conoci ed il presidente del Consiglio comunale Raffaele Salvatore hanno comunicato oggi alla senatrice a vita la decisione della città di conferirle la cittadinanza onoraria
22/1/2020
Il consiglio comunale di Sassari decide di aderire al Manifesto della comunicazione non ostile, proposto dall´associazione "Parole ostili". Regole semplici, che appaiono dettate solo da buonsenso
Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)