Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAmministrazione › L’ordinanza fake che fa impazzire gli algheresi
Red 16 marzo 2020
L’ordinanza fake che fa impazzire gli algheresi
Nelle ultime ore, sta girando sui social e nei gruppi WhatsApp un documento intitolato “Misure di contrasto alla diffusione e propagazione del virus COVID–19” e che dovrebbe essere un´ordinanza del sindaco d Alghero Mario Conoci. Ma si tratta di un documento non su carta intestata del Comune, privo di data e senza la firma autografa del primo cittadino. La conferma del falso arriva dallo stesso portavoce del sindaco


ALGHERO - «Con decorrenza immediata e fino al 03/04/2020, su tutto il territorio comunale di Alghero è fatto obbligo a tutti i cittadini di rimanere nelle proprie abitazioni. Sono consentiti esclusivamente spostamenti temporanei ed individuali, motivati da comprovare esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute; Sono considerate situazioni di necessità quelle correlate ad esigenze primarie delle persone, per il tempo strettamente indispensabile e comunque in aree contigue alla propria residenza, domicilio o dimora».

Ed ancora, «E’ consentita la presenza di un accompagnatore esclusivamente nei seguenti casi: - Spostamento per motivi di salute, ove lo stato di salute del paziente ne imponga la necessità;Nel caso di spostamento per motivi di lavoro, purché si tratti di persone appartenenti allo stesso nucleo familiare e in relazione al tragitto da/per il luogo di lavoro di uno di essi; E’ espressamente vietato praticare attività sportive e motorie all’aperto, fatti salvi i casi di non rinviabile, seria, rigorosa e comprovata necessità terapeutica e sempre con il rispetto di una distanza interpersonale di almeno 1,5metri; E’ consentito spostarsi dalla propria residenza, dimora o domicilio per consentire agli animali domestici l’espletamento dei loro bisogni fisiologici ma sempre ad una distanza massima di mt. 200 dal portone di ingresso della propria abitazione o della struttura condominiale nella quale è inserita e, in ogni caso, con il rispetto di una distanza interpersonale di almeno 1,5 metri».

Questo il fulcro della pseudo-ordinanza sindacale che sta facendo letteralmente impazzire gli algheresi. Un'ordinanza che raccoglie già il plauso di alcuni e le lamentele di altri. Ma... c'è un ma. Nell'era dei social niente è mai come sembra. Infatti, il documento che sta girando di cellulare in cellulare e di pc in pc tra social e gruppi WhatsApp è un “fake”. Si, un falso, come tanti (audio, video, foto e scritti), che stanno girando in questo momento difficile per tutti. La conferma arriva dallo stesso portavoce del primo cittadino. Alcuni indizi per capire che è un fake: il documento è su foglio bianco (e non su carta intestata del Comune di Alghero), non c'è scritto che è un'ordinanza; non c'è nè la data, né il numero del documento; e, infine, non c'è la firma autografa del sindaco.

Nella foto: Mario Conoci e Giovanni Chessa
Commenti
30/3/2020 video
Angelo Caria, già assessore al Bilancio del comune di Alghero e attuale procuratore della Orn-est, ripercorre con estrema lucidità tutte le tappe che hanno portato alla riqualificazione dello storico immobile ubicato alle spalle del Calich. «Delusione e latitanza della parte politica. Auspico che ci sia un rilancio o un ravvedimento per una decisione incauta, anche nell'interesse dell'Amministrazione». Ecco le sue parole
31/3/2020
Il Vicepresidente del Consiglio comunale di Alghero si rivolge a Lelle Salvatore chiedendo una esaustiva presentazione del Bilancio di Previsione, «prevedendo un intervento del Sindaco e brevemente di ogni assessore per quanto di propria competenza». Poi la richiesta di «massima trasparenza e partecipazione» con lo streaming della seduta
30/3/2020
«Tutte le sedute dei consigli comunali e delle commissioni consiliari devono essere per norma pubbliche», ricordano i consiglieri comunali d´Opposizione algherese Valdo Di Nolfo, Ornella Piras, Raimondo Cacciotto, Pietro Sartore, Mario Bruno, Gabriella Esposito e Mimmo Pirisi, che chiedono che «le sedute vengano trasmesse in diretta sui canali istituzionali dell´ente»
31/3/2020
L´ordine del giorno è proposto del presidente del Consiglio comunale di Cagliari Edoardo Tocco, in seguito alla possibile estensione del lockdown


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)