Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniSanitàOspedali, basta propaganda serve un cambio di passo
Giovanni Baldassarre Spano 30 agosto 2020
L'opinione di Giovanni Baldassarre Spano
Ospedali, basta propaganda serve un cambio di passo


Quest’anno è davvero un anno particolare, funestato da un lato dalla pandemia del covid 19 e dall’altro dal confezionamento di un’ennesima riforma della sanità sarda, trattata in mesi ove le persone notoriamente sono poco attente a quanto succede sopra leloro teste. Noi del gruppo Uniti contro la chiusura dell’Ospedale Marino tuttavia non siamo propensi a distrazioni o momenti di pausa sul fronte della difesa della sanità algherese e ben abbiamo prestato attenzione a quanto accadeva. In particolare ad attirare la nostra concentrazione, come esposto in altri interventi precedenti, è stato l’emendamento all’articolo 17 della riforma, con contestuale formulazione del 17-bis presentato in consiglio regionale. Questo disposto vede infatti protagonista l’ospedale Marino di Alghero che nello specifico dovrebbe passare dall’attuale gestione Ats a quella della AOU. Sempre nello stesso emendamento viene inoltre considerato il progetto della c.d. ortopedia robotica sul quale non entro in merito. Aldilà delle perplessità espresse in precedenza, soprattutto anche in proposito all’ordinaria capacità di interazione di questa struttura con quella del Civile, trovandosi sotto gestioni completamente differenti, a costituire ulteriore fonte di preoccupazione sussiste che nell’emendamento manchi un preciso riferimento al programmato (da molto tempo) progetto di edificazione di un nuovo ospedale in grado di ospitare un effettivo Dea di primo livello, con tutte le discipline previste in conformità al piano di razionalizzazione della rete ospedaliera.

Stante le carenze infrastrutturali dell’ospedale Civile, per la città di Alghero è dirimente l’assicurazione circa il sorgere di questa non più procrastinabile opera. Insomma sulla questione cessione del Marino alla AOU noi ci sentiamo di dire “pagare moneta...vedere cammello!” nella misura in cui se tale padiglione deve essere ceduto, lo deve essere solo a fronte dell’impegno formale per il sorgere della predetta struttura. Non bastano più a tal proposito le rassicurazioni promozionali o propagandistiche già sentite durante il c.d. Consiglio comunale aperto, noi vogliamo vedere nero su bianco un effettivo cambio di passo per la sanità locale.

Alghero deve essere, come lo era in precedenza, il punto di riferimento della sanità del nord ovest della Sardegna, oltre il polo di secondo livello di Sassari. Detto questo, a mio parere, risulta essenziale commentare anche l’esposta teoria circa l’attivazione di un circuito di turismo sanitario per la città. Su questo nutro una certa ritrosia a considerare tale argomento eticamente corretto, fino a quando i veri turisti sanitari continueranno ad essere sia i cittadini algheresi che i sardi in genere, troppo spesso costretti a spostarsi per ragioni terapeutiche sul “continente" o in altre parti dell’Isola. Ritengo che prima ancora di paventare ritorni economici connessi alla sanità, venga messo al centro della questione l’essere umano e il suo diritto alla salute. Noi auspichiamo che Alghero possa diventare una città accogliente anche sotto il profilo sanitario senza che questa accoglienza avvenga subordinata al solo ritorno economico. L’economia è fondamentale ma la tutela del diritto inviolabile alla salute lo è ancor di più. Concludendo, stante l’ennesima occasione in cui la nostra sanità diventa oggetto di propaganda elettorale auspichiamo che almeno il tema lo si affronti seriamente, riconoscendo i limiti esistenti e non facendo finta di ignorare i sacrifici che vedono protagonisti sia gli utenti che i professionisti sanitari. Noi del gruppo Uniti contro la chiusura dell’ospedale Marino non abbiamo preclusioni ideologiche per interventi che vedano, sempre in chiave di gestione pubblica, l’utilizzo differente da quello attuale del Regina Margherita, tuttavia non possiamo accettare che Alghero debba attendere oltre l’ospedale che merita da tempo. Il civile, con i sui numerosi restyling, non può essere quello di cui la nostra città ha bisogno.

*gruppo Uniti contro la chiusura dell’Ospedale Marino
Commenti
18:35
Lo comunica il Presidente della Regione Christian Solinas che pensa ad un nuovo lockdown regionale per evitare di compromettere la tenuta del sistema sanitario e la regolare erogazione delle cure. Covid, situazione grave in Sardegna
10:02
L’azione dell’Ats punta ad alleggerire la pressione affrontata dagli ospedali alle prese con i contagi nell’Isola. Ogni posto letto costerà 66euro a notte al Sistema sanitario regionale
20:34
In attesa della decisione del presidente della Regione autonoma della Sardegnam arrivano le prime reazione politiche. «Cosa avete fatto per scongiurare questa ipotesi? In estate nessuna programmazione e organizzazione»
22:17
Proseguono i commenti politici al comunicato del presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas, dove si prevedeva una stretta anti-Covid nell’Isola. Ecco la dichiarazione del deputato del Movimento 5 stelle Mario Perantoni
11:03
E’ la richiesta del consigliere regionale del Movimento 5 stelle Carla Cuccu, segretaria della Commissione Sanità e politiche sociali, che ha presentato un’interrogazione al presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas e all’assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu, per chiedere il ripristino dell’ex struttura di Iglesias
16:46
Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 167 nuovi casi, 127 rilevati attraverso attività di screening e 40 da sospetto diagnostico
14:32
Il sindaco Andrea Lutzu ha riunito il Coc di Protezione civile, le associazioni di volontariato e le case di riposo per un esame della situazione alla luce dell’evolversi della diffusione del Coronavirus in città
21/10/2020
Il procuratore aggiunto Paolo de Angelis avrebbe già incaricato i carabinieri di acquisire informazioni e documentazione relative all´inchiesta
19/10/2020
«Il reparto non ha mai chiuso», precisazioni della direttrice della struttura. Screening su personale e pazienti: tutti negativi
19/10/2020
Si libera viale Italia dalla sosta dei mezzi di soccorso. Le aree di sosta sono state realizzate nel retro del Pronto soccorso e l´accesso sarà regolamentato dal portiere in servizio nella guardiola di viale Italia


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)