Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroSpettacoloConcerti › Musica sulle bocche con Favata, Peghin e Maiore
Red 31 agosto 2020
Musica sulle bocche con Favata, Peghin e Maiore
Domani, appuntamento al tramonto sulla spiaggia Chiscinagghju di Aglientu, per l´esibizione del trio, guidato dal direttore artistico algherese per la nuova tappa della 20esima edizione del festival internazionale organizzato da Jana Project


ALGHERO - Una musica che parte dalla Sardegna per toccare l’Africa e il Sud America, fino a esplorare le sonorità dell’Oriente. È quella del trio composto da Enzo Favata al sax soprano, Marcello Peghin alla chitarra e Salvatore Maiore al contrabbasso, protagonisti, domani, mercoledì 2 settembre, ad Aglientu, della 20esima edizione del festival jazz internazionale “Musica sulle Bocche”. Sarà una serata in cui musica e paesaggio si fonderanno in un unico spettacolo: l’appuntamento è infatti alle 19.30, con ingresso gratuito, nella spiaggia di Chiscinagghju (di fronte al camping “Saragosa”), dove Favata, Peghin e Maiore si esibiranno proprio davanti allo splendido panorama delle Bocche di Bonifacio.

Il trio ha come comune denominatore l’appartenenza alla Sardegna, luogo di partenza per un viaggio musicale che attraverserà l'Africa e il Sud America, fino a giungere in Oriente. Tre carriere trentennali si riuniscono così in un progetto jazz contemporaneo, dalle intime atmosfere notturne tipiche del racconto, e nella cui musica si intersecano naturalmente elementi antichi e moderni. La formazione è caratterizzata dalla bellissima voce strumentale del sax soprano di Enzo Favata, dal suono corposo e profondo del contrabbasso di Salvatore Maiore, dove convergono esperienze classiche e il mondo sonoro del jazz europeo, insieme alla spazialità delle armonie prodotte dalla chitarra del virtuoso Marcello Peghin. Il repertorio è una vera e propria navigazione attraverso continenti sonori apparentemente molto distanti tra loro, ma che riescono a convergere nella musica del trio: dal Brasile, nel suo versante più rarefatto e lunare, fino l'Europa del nord, per raggiungere la Persia con alcuni accenti del Metheny rurale. E il resto è una continua scoperta.

Anche in questa occasione, verranno rispettate tutte le disposizioni anti-Covid. Ogni spettatore dovrà compilare e consegnare all’organizzazione un'autodichiarazione, che attesta il proprio stato di salute. Il modulo sarà scaricabile sul sito internet del festival. Gli organizzatori consigliano al pubblico di scaricarlo, compilarlo e portarlo già stampato, in modo da agevolare lo scorrimento della fila all'ingresso del concerto. Chi non avrà questa possibilità, potrà comunque trovare il modulo cartaceo da compilare in loco. Durante il concerto, inoltre, sarà obbligatorio l'utilizzo della mascherina, i posti a sedere garantiranno il distanziamento tra coloro che non sono congiunti, mentre l'igienizzazione delle mani verrà garantita all'ingresso dello spazio scenico dall’organizzazione del festival. Per ogni eventuale ulteriore informazione, si può telefonare al numero 350/1537377. Il festival, organizzato dall’associazione Jana project, con la direzione artistica di Favata, è sostenuto dall’Assessorato regionale alla Pubblica istruzione e spettacolo, dalla Fondazione di Sardegna, dalla Camera di commercio di Sassari e dai Comuni che ospitano i concerti.
Commenti
20/10/2020
Le prime due tappe hanno visto l´esibizione di Mauro Uselli accompagnato da Fabrizio Zara alla chitarra, ad agosto, mentre domenica, il flautista si è esibito con altri due straordinari musicisti: Riccardo Pinna al piano e Dario Pinna al violino


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)