Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroAmbienteOpere › Wwf: «In salvo le sentinelle verdi»
Red 8 febbraio 2021
Wwf: «In salvo le sentinelle verdi»
Commenti positivi dall´associazione ambientalista per la circonvallazione di Alghero, ribattezzata “degli ulivi”. «Circa 150 di queste piante, dopo l´espianto, saranno messe a nuova dimora in terreni di proprietà comunale», commenta con soddisfazione il delegato del Wwf Italia per la Sardegna Carmelo Spada


ALGHERO - In questi giorni, sono iniziati i lavori della nuova circonvallazione sud di Alghero [LEGGI], sul cui tracciato insistono centinaia di alberi di ulivo. In questa prima fase, sono iniziati i lavori d’espianto degli ulivi per essere ricollocati in altri terreni. E’ anche previsto che, circa 150 di queste piante, vengano messe a nuova dimora in terreni di proprietà comunale. «Questa è certamente una buona notizia ed è la giusta coniugazione e mitigazione degli impatti tra la realizzazione di un’opera pubblica e la salvaguardia del patrimonio di alberi della fascia olivetata che cinge la città di Alghero, - afferma Carmelo Spada delegato del Wwf Italia per la Sardegna – infatti, sin dall’inizio della progettazione dell’opera pubblica, questa soluzione è stata la nostra richiesta e il nostro auspicio, perché gli ulivi rappresentano un importante patrimonio ambientale, storico, culturale ed economico di Alghero».

«La fascia olivetata - spiega Spada - che si sviluppa intorno alla città e nella campagna storica di Alghero ha visto i primi significativi impianti di olivi sin dal 17esimo secolo, quando gli spagnoli dominatori della Sardegna incentivarono l'olivocoltura facendo innestare gli spontanei olivastri. In questa direzione, nel 1625, venne emanata l'ordinanza del viceré don Giovanni Vivas che obbligava i sudditi ad innestare ogni anno dieci olivastri. Per realizzare tale politica vennero inviati dalla Spagna esperti innestatori che diffusero la tecnica. Tali provvedimenti, unitamente all’operosa presenza in Alghero dei gesuiti, ebbero il pregio di incrementare nel territorio questa coltura».

«Seppure così radicata nel secoli, la sorte recente dell'olivo presenta una situazione preoccupante; infatti, si ritiene che delle 500mila piante di olivo esistenti sino agli Anni Cinquanta del secolo scorso, almeno 150mila siano state abbattute nell'espansione urbanistica della città. Se permanesse tale ritmo di distruzione, nel volgere di pochi decenni, “la piccola Amazzonia” che ancora cinge la città di Alghero rischierebbe un’ulteriore drastica riduzione. Oggi, spetta agli urbanisti e alla classe dirigente il compito di elaborare il Piano urbanistico comunale per indirizzare lo sviluppo futuro della città in direzione sempre più sostenibile e il nostro auspicio - conclude il delegato regionale del Wwf - è quello di una pianificazione lungimirante che faccia salvi i valori dell’ambiente, della qualità della vita prevedendo anche misure stringenti di salvaguardia attiva degli ulivi e interventi mirati solo in caso di estrema necessità per pubblico interesse».
Commenti
13:09
L´avvio dei lavori è stata anticipato da un sopralluogo effettuato dalla direttrice Donatella Parodi, con l´assessore comunale ai Lavori pubblici Maria Bastiana Cocco, ai tecnici del Comune di Porto Torres e al personale della società Engie, che effettua l´intervento, che sarà concluso in circa quindici giorni
22/2/2021
«Riteniamo che sia sempre più attuale la necessità e l’utilità di coinvolgere la cittadinanza nei processi di gestione del territorio, che si tratti di grandi o piccoli interventi», dichiara il presidente del Comitato di borgata Fertilia-Arenosu Luca Rondoni


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2021 Mediatica SRL - Alghero (SS)