Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCulturaUniversità › Architettura, le lacrime di Bouba
S.O. 19 luglio 2019
Architettura, le lacrime di Bouba
Dal Mali alla Sardegna per realizzare un sogno. È Bakari Coulibaly il primo laureato dell´Università di Sassari con protezione internazionale. Alla discussione della tesi ha partecipato anche la comunità maliana locale che ha festeggiato con Bouba il traguardo della laurea


ALGHERO - Il 17 luglio 2019 è una data che Bakary Coulibaly non potrà mai dimenticare, perché è il giorno in cui ha conseguito la laurea magistrale nel Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica dell'Università di Sassari con il massimo dei voti. Nato in un piccolo centro del nord del Mali, si è immatricolato nel 2016 e ha potuto frequentare l'ateneo sassarese grazie a una delle borse di studio della Crui (Conferenza dei Rettori) e del Ministero dell'Interno per rifugiati e titolari di protezione sussidiaria, costretti a interrompere gli studi nel Paese d'origine.

Bakary, meglio noto come Bouba, durante il corso di laurea magistrale internazionale in Pianificazione e politiche per la città, l'ambiente e il paesaggio, ha avuto anche l'opportunità di trascorrere un semestre alla Universitat autonoma di Barcellona nell'ambito del programma Erasmus Plus. Bouba ha presentato una tesi dal titolo "La cultura Maliana e gli effetti urbani delle migrazioni”, relatrice la professoressa Silvia Serreli che è anche Delegata del rettore per le politiche di integrazione dei migranti e rifugiati.

La strada della formazione aperta da Bouba è stata un esempio per diversi altri studenti titolari di protezione che frequentano l’Università di Sassari e che seguono dal 2015 il percorso culturale di integrazione promosso dall’Ateneo e dalla rete territoriale di numerosi soggetti che contribuiscono a rendere l’università sempre più inclusiva.

Come sottolinea Bouba, «questi percorsi sono per molti ragazzi utopie realizzabili», così come riporta nell’introduzione della tesi: «Avevo un sogno quando sedevo sui banchi dell’università a Bamako: fare un master in Europa. Era un sogno irrealizzabile per diverse ragioni. Eppure ho provato a seguire un sogno e ho camminato a lungo verso L’Europa. Questa tesi è la mia utopia e da qui ripartirò per costruirne altre».
Commenti
26/5/2020
Al via l´iniziativa. Domani, è in programma il primo dei quattro incontri organizzati dall´Ateneo per coinvolgere gli studenti sulle tematiche contenute nell´Agenda Onu 2030. Si inizierà con il seminario di Alessandra Carucci su “Acqua pulita e servizi igienico-sanitari”. Seguiranno altri tre appuntamenti ed un contest
26/5/2020
È partito in questi giorni il progetto Faircom, che vede cinque Paesi europei (Spagna, Italia, Grecia, Paesi Bassi e Lettonia) impegnati nella creazione e promozione di nuove linee guida internazionali per un risarcimento equo ed efficiente in favore delle vittime di reati sessuali


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)