Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaAmbiente › Commissariamento dighe: interviene Frongia
Red 9 luglio 2020
Commissariamento dighe: interviene Frongia
«Registriamo la volontà del Governo di venire incontro alle esigenze delle Regioni come la nostra, che chiedono procedure snelle e l´effettiva realizzazione delle opere pubbliche», commenta l’assessore regionale dei Lavori pubblici


CAGLIARI - «Registriamo la volontà del Governo di venire incontro alle esigenze delle Regioni come la nostra, che chiedono procedure snelle e l'effettiva realizzazione delle opere pubbliche». È il commento dell’assessore regionale dei Lavori pubblici Roberto Frongia sull’annuncio di commissariamento di alcune opere infrastrutturali, tra cui sette dighe sarde.

Si tratta delle dighe Maccheronis (di pertinenza Enas), Monti Nieddu (di pertinenza del Consorzio di bonifica Sardegna meridionale, di cui fa parte anche la realizzazione della traversa Medau Aingiu), Cantoniera (Enas), Olai (pertinenza Abbanoa), Govossai (Abbanoa), Rio Mannu Pattada (Enas) e Monte Pranu (Enas). «Il commissariamento delle dighe – continua Frongia - consentirà una realizzazione veloce delle opere e degli interventi volti all’aumento della sicurezza (che in molti casi si traduce in maggiore capienza degli invasi), che si tratti di completamento delle fasi di progettazione e realizzazione delle opere o di riappalto dei lavori».

L’assessore evidenzia la volontà di proseguire sulla strada del commissariamento delle principali arterie stradali per imprimere una necessaria accelerazione negli interventi: «Abbiamo chiesto e sollecitato più volte il commissariamento di tutte le opere viarie principali. Soprattutto abbiamo chiesto a più riprese una semplificazione vera che punti anche alla modifica del Codice degli appalti, condizione necessaria per portare a compimento la realizzazione delle opere. Un progetto stradale in Sardegna richiede fino a quaranta pareri dovuti, che coinvolgono altrettanti Enti, a cui si aggiungono quelli necessari in corso d’opera. Il risultato è che (tra aggiornamenti progettuali richiesti, intoppi burocratici, cambi normativi e interlocuzioni varie) il tempo medio per la realizzazione di un tratto di strada è di quindici anni», ha concluso l’esponente della Giunta Solinas.
Commenti
16:09
Il sindaco di Cagliari ha fatto il punto sul nuovo sistema. Presenti alla conferenza stampa anche l´assessore comunale all´Igiene del suolo Alessandro Guarracino, il presidente della Commissione all´Ambiente Raffaele Onnis e il dirigente del Servizio comunale Igiene del suolo Roberto Montixi
14/1/2021
Lo ha detto l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente Gianni Lampis, durante l´assemblea dei sindaci, che si è svolta ieri mattina alla Fiera di Cagliari, sulla pubblicazione della Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee a ospitare il deposito unico delle scorie radioattive
13/1/2021
La segnalazione al ministro dell´Ambiente Sergio Costa, firmata dal presidente Tarcisio Agus, arriva dopo un´attenta osservazioni della mappa dei siti di stoccaggio per lo smaltimento di scorie radioattive papabili in Sardegna


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2021 Mediatica SRL - Alghero (SS)