Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaCronaca › Evasione lampo al carcere di Alghero. Detenuto scontava 25 anni per omicidio
Pierpaola Pisanu 24 ottobre 2005
Evasione lampo al carcere di Alghero
Detenuto scontava 25 anni per omicidio
La sua condotta irreprensibile aveva convinto il magistrato di sorveglianza a concedergli permessi premio che trascorreva nella casa famiglia gestita dalla Caritas Diocesana di Alghero


ALGHERO - La voglia di libertà è stata più forte del buon senso ed è scappato. Pasquale Concas, 32 anni, condannato a 25 anni di reclusione per omicidio, non è rientrato in carcere dopo la libera uscita. La sua condotta irreprensibile aveva convinto il magistrato di sorveglianza a concedergli permessi premio che trascorreva nella casa famiglia gestita dalla Caritas Diocesana di Alghero. Come aveva fatto tante altre volte, Concas mercoledì ha lasciato la sua cella e da solo ha raggiunto la struttura di via XX Settembre per trascorrere quattro giorni fuori dalle mura del penitenziario. Ma al momento di ritornarci, ha ceduto alla tentazione e ha tradito la fiducia che gli era stata accordata. Troppo grande il desiderio di riassaporare la libertà che aveva perso il 18 gennaio 1994, quando aveva rapinato e ucciso Loredana Gottardi, una pensionata di Olbia. Era stato scoperto e arrestato due mesi dopo, quando messo alle strette dagli inquirenti non gli rimase che confessare. Sabato sera anziché rientrare in cella, ha raggiunto Porto Torres e ha preso il largo verso Genova, a bordo di un traghetto. Alle 21.00, non vedendolo rientrare, sono scattate le ricerche. E’ stato rintracciato dai carabinieri della compagnia di Alghero grazie alle telefonate che ha fatto ad alcuni amici con un cellulare. I militari hanno parlato con lui e l’hanno convinto che stava commettendo un grave errore. Dipingendo la latitanza come una vita priva di quella libertà che andava cercando, sono riusciti a farlo desistere dalla fuga. L’eventualità di essere arrestato in un’altra regione, avrebbe reso ancora più insopportabile la prigionia, lontano dalla sua terra. Di fronte a questo rischio Pasquale Concas ha preferito imbarcarsi immediatamente e tornare in Sardegna. Ieri mattina a Porto Torres, i carabinieri che lo hanno atteso all’attracco della nave, l’hanno riportato in cella. Il giovane detenuto, originario di Tortolì, e residente a Olbia dove si era macchiato dell’efferato delitto, ha già scontato 11 anni della sua pena. Uscirà dal carcere nel 2019. Sarà difficile per lui ottenere permessi premio. Il programma di reinserimento sociale che stava portando avanti, certamente si farà restrittivo.
Commenti
18/2/2020
Scene di ordinaria follia. Nel mirino dell´uomo, una giovane commessa ad Alghero. L´aggressione mentre apriva il negozio in centro città, poi la fuga. Indagini a tutto campo delle Forze dell´ordine
18/2/2020
La Guardia di finanza, ha contestato un’evasione fiscale di circa 83mila euro. Denunciato un imprenditore di Alghero che percepiva anche il reddito di cittadinanza, misura attualmente sospesa
18:13
Nell’ambito dei controlli a contrasto dei traffici illeciti, i funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli di Sassari, in servizio nella Sezione Operativa territoriale dell’aeroporto “Riviera del corallo”, in collaborazione con i militari della Guardia di finanza della locale Compagnia, hanno eseguito un sequestro di circa 10chilogrammi di prodotti vegetali sprovvisti del certificato fitosanitario
8:11
Nella nottata tra mercoledì e giovedì, le Volanti hanno sorpreso e denunciato per danneggiamento aggravato un giovane, intento a graffiare e sfondare i parabrezza di alcune autovetture
23:28
Verifiche congiunte degli operatori del Nucleo ispettivo di Abbanoa con i Carabinieri per la constatazione in flagranza dei reati. Due casi individuati anche ad Oniferi
21:24
Questa mattina, i Carabinieri della Stazione de La Maddalena, in località Vaticano, hanno rinvenuto quasi 3chilogrammi di marijuana, 67grammi di hashish ed una bilancia di precisione
19/2/2020
Il cattivo stato in cui è stato rinvenuto ad Alghero il corpo della donna, in avanzata decomposizione e con gli arti parzialmente mummificati, aveva complicato le operazioni e gli esami autoptici
Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)