Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaTurismo › «Chiarezza sul futuro del Palacongressi di Alghero»
Cor 28 ottobre 2019
Antonio Piu mette alle strette l´assessore al Turismo, Giovanni Chessa. Il gruppo dei Progressisti chiede in Consiglio regionale quale sarà la sorte di Destinazione Sardegna DMO e del Centro Congressi di Alghero
«Chiarezza sul futuro del Palacongressi di Alghero»


ALGHERO - Antonio Più (nella foto) ed il gruppo dei Progressisti in Consiglio regionale hanno presentato una interpellanza relativa allo stato di attuazione della Legge Regionale 16 del 2017 e di costituzione della “Sardegna destination management organization” (denominata Destinazione Sardegna DMO). Chiedono inoltre aggiornamenti sul futuro del Palazzo dei Congressi di Alghero, individuato come sede della DMO regionale.

«Siamo fortemente interessati alle scelte strategiche dell’attuale Giunta regionale in merito alla attuazione della Legge Regionale 16 del 2017, finalizzata a promuovere politiche di sviluppo turistico della Sardegna, e alla situazione del Palazzo di Congressi di Maria Pia» dichiara Antonio Più. «Si tratta di una struttura che, come promesso da più parti, va recuperata destinandola a sede del DMO Sardegna, società pubblica che però l’Assessore al Turismo Giovanni Chessa ha più volte dichiarato di voler smantellare, lasciando il Palazzo dei Congressi a degradarsi come altre cattedrali nel deserto. Se non fosse che si trova a pochi metri dal litorale di Maria Pia, in una condizione di netto dispregio del decoro naturalistico che per Alghero è un investimento turistico». La struttura, di proprietà della Regione, è stata progettata a partire dagli anni’80 ed è costituita da un fabbricato di 60.000 metri cubi. Il Palazzo dei Congressi costituiva il primo tassello di un più ampio programma che prevedeva l’insediamento di un complesso di servizi turistici integrati congressuali-sportivo-culturali a beneficio della città di Alghero ma non è mai entrata in funzione e da oltre un decennio è in stato di abbandono e degrado.

Raimondo Cacciotto, rappresentante di Futuro Comune in Consiglio Comunale ad Alghero, fa eco al consigliere Piu: «La dichiarata intenzione di cancellare la DMO è già di per sè preoccupante venendo meno il soggetto che avrebbe dovuto attuare importanti azioni di promozione e marketing indispensabili per rafforzare la destinazione Sardegna» dice Cacciotto. «Ciò fa capire come la presenza sul territorio e gli impegni presi in occasione delle amministrative di giugno siano stati piuttosto una passerella elettorale. Sparisce la DMO, auspichiamo almeno rimanga l'intenzione di riqualificare il Palazzo dei Congressi di Alghero».
Commenti
15:25 video
Il neo presidente chiude una partita delicatissima nel migliore dei modi, grazie anche all´accordo con tutte le sigle sindacali. Salvi tutti i posti di lavoro in Fondazione (in scadenza il 15 dicembre 2019): amministrativi, l´InfoAlghero e gli addetti alla Grotta di Nettuno. Proroga tecnica anche per le cooperative che gestiscono i siti archeologici e avvio delle procedure di selezione pubblica (concorsi e bando). Si sbloccano anche le assunzioni sul progetto Lavoras. Al microfono del Quotidiano di Alghero Andrea Delogu rilancia le ambizioni della Riviera del Corallo: Si riparte nel tentativo di offrire un vero sistema integrato di tutte le ricchezze del territorio. L´intervista
11:10
Nuove bordate ad Alghero su Sindaco e Giunta: «al di là delle censure da parte della magistratura contabile sulla legittimità di impiegare il gettito di imposta derivante dalla tassa di soggiorno fuori dal perimetro normativo, il dato politico che emerge dalla citata delibera è che, ancora una volta, il Sindaco Conoci continua a fare del programma elettorale carta straccia»
Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2019 Mediatica SRL - Alghero (SS)