Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniSanitàSanità a pezzi, dopo gli slogan il nulla
Giovanna Passerò 1 novembre 2019
L'opinione di Giovanna Passerò
Sanità a pezzi, dopo gli slogan il nulla


Cosa è cambiato nella politica sarda? Nulla, purtroppo. Lo dico da presidente del Comitato Fiocchi Azzurri Fiocchi Rosa, da sempre impegnato a difesa del diritto alla buona sanità (ricordo sempre la battaglia lunga un anno per la riapertura del reparto ostetricia, e far si che le donne potessero partorire nel nostro ospedale di Alghero). Oggi mi rivolgo al Presidente della Regione Christian Solinas e il Presidente del Consiglio Regionale Michele Pais, ricordando le passerelle (di cui ne abbiamo le tasche piene) per vedere e rivedere lo stato degli ospedali algheresi, ma, mi chiedo, quante passeggiate con telecamere e giornalisti al seguito, dobbiamo vedere? Non sono abbastanza quelle fatte negli ultimi anni? E, vogliamo parlare delle tante riforme sanitarie approvate, e mai attuate se non per fare tagli sulle cose fondamentali, per esempio il personale?

Purtroppo per mia esperienza personale ho vissuto la sanità dell'ospedale civile di Sassari (reparto Rianimazione) e poi l'ospedale Civile di Alghero, e ho dolorosamente potuto verificare e toccare con mano il degrado e il disagio che i malati vivono quotidianamente, e cosa altrettanto grave, il disagio e lo stress del personale sanitario, che devono affrontare, a partire dalle cose più elementari: dal trovare soluzioni per i posti letti e affrontare lamentele e denunce dei familiari dei pazienti fino alla cosa più grave, la sempre più crescente carenza del personale (coloro che vanno in pensione non vengono sostituiti). Ho potuto constatare la professionalità e l'umanità del personale sanitario, che il Comitato difende in maniera forte, ma tristemente abbiamo visto medici lasciare Alghero per andare a lavorare in ospedali più consoni alla loro professionalità. Ci chiediamo, ma la classe politica, quella "politica del fare" che tanto ha criticato e chiesto le dimissioni della Giunta precedente, oltre a temporeggiare, che fa?

Chiediamo con determinazione al presidente Solinas, che bisogna intervenire urgentemente, per dare dignità e cura al territorio che usufruisce del servizio sanitario (vorrei ricordare che sono 23 comuni circa). Cari presidenti sapete bene che Alghero ha bisogno degli ospedali, perché non vogliamo dimenticarci dell'Ospedale Marino che
deve tornare ad essere un ospedale d'eccellenza. Cari Presidenti, il comitato ha la soluzione al problema: i soldi, i nostri soldi, che voi dovete spendere per il nuovo ospedale che è stato argomento delle vostre campagne elettorali e per l'attuale struttura che deve diventare di primo livello. Vi ricordo che abbiamo un reparto di terapia semi-intensiva costato una grossa cifra e pronto da oltre 10 anni mai utilizzato. Che spreco! Ma come fate a dormire sonni tranquilli, continuare a far finta di niente, impegnarvi alla ricostituzione delle province, per dare altre nomine, altre poltrone, ma soprattutto altri stipendi d'oro. Ha ragione quel consigliere regionale che dice che la politica sta diventando un poltronificio.

Vogliamo delle risposte, ma risposte serie, coscienziose e oneste, al più presto. Vogliamo che la classe politica si impegni per il bene dei cittadini. Trovo vergognoso (ma credo che ormai abbiamo toccato il fondo) che una signora non può essere operata di ernia perché non ci sono le retine. Vergogna! Adesso anche per interventi di routine dobbiamo fare i viaggi della speranza in altri ospedali più dotati. Ancora una volta
ci vergogniamo di avere una classe politica che se ne frega dei più deboli, di chi ha più bisogno ma che comunque continua a pagare le tasse. Stiamo vivendo l'era della politica del bla bla bla e degli slogan. Complimenti per la poca attenzione ad un problema importante e fondamentale come la sanità, ricordandovi che è un diritto.

*presidente del Comitato Fiocchi Azzurri Fiocchi Rosa Alghero
Commenti
15/2/2020 video
Sabato mattina, i cittadini algheresi si sono riuniti davanti all´Ospedale Marino per protestare e chiedere una Sanità che funzioni. "Giù le mani dal Marino", la parola d´ordine dei presenti. Immagini e interviste sul Quotidiano di Alghero
9:05 video
Il presidente del Consiglio Regionale, l´algherese Michele Pais, spazza via ogni insinuazione: «Non c´è nessuna volontà di depotenziare la sanità di Alghero, ne di quelli dell´ospedale Civile ne del Marino». Poi la chiara e netta presa di posizione: «Il mio impegno costante, preciso e forte sarà quello di garantire una sanità adeguata». Le sue parole
12:03
L´associazione di Alghero rilancia: «Per rilanciare la sanità algherese abbiamo bisogno di una politica forte e compatta e di figure dirigenziali all’interno dell’ATS nominate per meriti e non per appartenenze politiche»
13:26
Gli alunni della Quarta B della scuola primaria Santa Maria di Sorso hanno donato alla Neonatologia e Tin dell´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari una poltrona per le mamme che devono allattare i loro bimbi
12:05
«Chi ha amministrato la città di Alghero negli anni precedenti ha riacquistato la voce solo oggi, dopo un lungo periodo di afonia nel corso del quale sono passate le più tremende mazzate alla nostra sanità»
15/2/2020
«Solo oggi, dopo 4 mesi dalla mozione e dopo 5 mesi che gli algheresi sono obbligati a girare per il nord Sardegna per “elemosinare” un intervento di ortopedia, la maggioranza ha acconsentito a discutere la mozione»
15/2/2020
Per la Peste suina africana, sono stati abbattuti nelle campagne di Orgosolo decine di maiali a stato brado illegale, non registrati, di proprietà ignota e mai sottoposti a controllo sanitario
Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)