Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariCronacaSanità › Giornata mondiale prematurità: Provincia in viola
Red 16 novembre 2019
Giornata mondiale prematurità: Provincia in viola
Domenica sera, l´edificio di Piazza d´Italia sarà illuminato per celebrare la ricorrenza istituita nel 2008, che anche quest´anno, vede l´adesione della Neonatologia, Tin e Nido dell´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari


SASSARI – L'obiettivo è mettere i neonati pretermine al centro del futuro e assicurare loro una continuità assistenziale, quindi una frequenza di accertamenti sanitari almeno sino all'età prescolare. Il piccolo prematuro, infatti, ha necessità di essere seguito in strutture specializzate, come le Neonatologie e Terapie intensive neonatali, ben oltre i primi tre anni di vita. Sono questi i temi sui quali si concentra la “Giornata mondiale della prematurità 2019”, che ricorre il 17 novembre ed alla quale, anche quest'anno, aderisce la Neonatologia, Tin e Nido dell'Azienda ospedaliero universitaria di Sassari.

La ricorrenza è stata istituita nel 2008 dalla European foundation for the care of newborn infants, che ha così acceso i riflettori sulla problematica dei bambini “nati troppo presto” (born too soon. Grazie al patrocinio del Comune di Sassari, alla disponibilità della Provincia di Sassari ed al contributo gratuito della ditta Antonio Sisto, la struttura diretta da Giorgio Olzai, domenica 17 novembre, farà illuminare la facciata dello storico palazzo di Piazza d'Italia, colorandola di viola. La stessa iniziativa avverrà, contemporaneamente, in altri Comuni della Penisola e del resto d'Europa, dove saranno illuminati di viola edifici e monumenti. Gli obiettivi della giornata sono quelli di sensibilizzare le Istituzioni, i professionisti e la popolazione sul tema dei neonati pretermine, richiamare il valore dell'assistenza e sottolineare l'importanza della prevenzione dei fattori di rischio che possono favorire il verificarsi della prematurità.

«È importante sapere – afferma il direttore Olzai – che i bambini nati pretermine presentano elevati rischi di esiti a distanza in ambito neurosensoriale, cognitivo e respiratorio. Ecco perché, è opportuno avviare un monitoraggio costante e accurato delle varie fasi del loro sviluppo, anche con l'azione di particolari protocolli». Protocolli che devono prevedere una serie di azioni di follow up e monitoraggio che vedono protagonisti numerosi professionisti. Una vera e propria équipe multidisciplinare composta da un appropriato organico medico-infermieristico: neonatologo, infermiere e neuropsichiatra infantile, ai quali possono aggiungersi anche il fisioterapista, lo psicologo e il neuropsicomotricista e ancora il logopedista, il fisiatra, il pediatra. Secondo i dati a disposizione del Ministero della Salute, in Italia i neonati pretermine costituiscono il 10percento delle nascite totali ed incidono sulla mortalità neonatale per il 50percento e su quella infantile per il 40 percento, con un forte impatto sul Sistema sanitario nazionale.

Si tratta di bambini nati prima della 37esima settimana di gestazione che, fin dai primi istanti di vita, hanno bisogno di terapie intensive neonatali adeguate, poiché non hanno ancora maturato del tutto organi ed apparati e non sono ancora capaci di adattarsi alla vita fuori dal grembo materno. E se ancora non sono spiegati i motivi di molte nascite pretermine (secondo gli esperti di Epicentro, il Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità), nei Paesi ad alto reddito il loro incremento risulta associato all'aumento dell'età materna al parto, al maggiore ricorso alle tecniche di procreazione assistita con conseguente maggiore frequenza di gravidanze gemellari e, in alcuni Paesi, ai tagli cesarei effettuati prima della 38esima settimana di gestazione. Il tasso di sopravvivenza per i neonati prematuri è, per fortuna, in continuo miglioramento grazie ai progressi compiuti dalla scienza.
Commenti
15:05 video
«Gli algheresi attendono risposte». L'ex sindaco di Alghero interviene e chiede serietà. Pronti al dialogo ed alla discussione sul futuro dell'ospedale Marino e dell'Ortopedia ma serve un progetto condiviso con gli operatori e definito per rilanciare la sanità del territorio. L'intervista con Mario Bruno sul Quotidiano di Alghero
10:06
Presidio ospedaliero di Alghero, la ASSL Sassari impegnata contro la carenza di personale medico: L´azienda conferma il blocco della chirurgia all´ospedale civile
18:37
Il gruppo “Uniti contro la chiusura dell’Ospedale Marino”, dopo aver appreso dalla nota con la quale la Quarta commissione presieduta da Domenico Gallus ha prospettato la possibile inclusione dell’Ospedale “Regina Margherita” nel sistema dell´Aou Sassari, ha deciso di pronunciarsi in proposito
4/7/2020 video
«Così si rilancia e rivitalizza l´Ospedale Marino di Alghero e si scongiura ogni mira speculativa. Il progetto è quello di realizzare un centro di riferimento regionale per la chirurgia robotica ortopedica, un´opportunità enorme per il territorio». Michele Pais fa chiarezza intorno all´idea di inserire il Regina Margherita nell´Aou Sassarese. Le sue parole
4/7/2020
Convergenza e unione d´intenti sulla sanità del territorio tra Forza Italia e tutti i gruppi di opposizione ad Alghero. «Si apra la discussione sulla possibilità di passaggio dell´ospedale Marino all´Azienda universitaria sassarese»
4/7/2020
«Lunedì prossimo le Sigle confederali incontreranno ancora una volta l’assessore alla Sanità Nieddu, che martedì scorso era stato informato, dalla Fp Cgil della imminente possibilità di chiusura ma è stato evidentemente un buco nell’acqua», annuncia Paolo Dettori, della Fp Cgil
5/7/2020
Allestita una nuova sala d´aspetto su Via Padre Manzella. Agli ingressi delle strutture sanitarie sono stati installati termo-scanner per il controllo automatico della temperatura. Al Clemente tre gazebo per riparare l´utenza in attesa
11:11
«A partire dal 10 luglio, accogliendo la richiesta dell’assessore alla Sanità della Regione Sardegna, Mario Nieddu, la Difesa invierà tre medici militari della Marina militare», ad annunciarlo è il sottosegretario alla Difesa, con delega alla Sanità militare, Giulio Calvisi


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)