Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaSanitàAcabaura: coi primari incontro inutile
Cor 17 febbraio 2020
Acabaura: coi primari incontro inutile
L´associazione di Alghero rilancia: «Per rilanciare la sanità algherese abbiamo bisogno di una politica forte e compatta e di figure dirigenziali all’interno dell’ATS nominate per meriti e non per appartenenze politiche»


ALGHERO - «Il tentativo di riportare al centro dell’agenda politica il tema della sanità e del futuro dei due presidi ospedalieri cittadini è da considerarsi apprezzabile. Tuttavia non possiamo esimerci dal giudicare di scarsa utilità l’incontro tra il Sindaco di Alghero e i primari dei reparti ospedalieri del Civile e del Marino, avvenuto di recente presso la sede del Consiglio Comunale. Il giudizio negativo consegue al fatto che un tavolo di concertazione che si prefigga come obiettivo quello di porre fine al depotenziamento e declassamento dei nostri ospedali, non può mancare dei due principali interlocutori, la Regione e i vertici ATS, dalle cui scelte dipende il destino della nostra sanità. Un incontro che poteva avere il carattere dell’operatività, segnando un primo vero passo in avanti, si è trasformato ancora una volta in un semplice scambio di idee». Così l'associazione algherese in difesa della sanità, Acabaura, all'indomani dell'incontro tra i il sindaco di Alghero e i primari [GUARDA].

«Non è più tempo di acquisizione di dati, le problematiche dei nostri due nosocomi le conosciamo sin troppo bene, ma è tempo di fare scelte precise che evitino di penalizzare ulteriormente il nostro territorio a vantaggio di altre zone della Sardegna. E’ in questo senso che chiediamo l’assunzione di responsabilità da parte del Sindaco Conoci, perché ottenga al più presto una programmazione certa che dia finalmente ad Alghero quei servizi ospedalieri di alta qualità che una cittadina turistica di 40 mila abitanti merita. E’ arrivato il momento di pretendere dall’ATS l’immediata attivazione delle nuove specialità che consentano all’Ospedale Civile di essere classificato come presidio di primo livello. E’ arrivato il momento di chiedere alla Regione di andare in deroga al Decreto Balduzzi, appellandosi all’Art.3 del medesimo Decreto, di modo che il nostro Ospedale Civile sia dotato di autonomia funzionale rispetto all’Ospedale di Ozieri, vista la sua posizione strategica fra un porto ed un aeroporto, e il suo importante ruolo di diagnosi e cura non solo per i residenti ad Alghero ma anche per gli abitanti del circondario e i non residenti».

«L’Ospedale Civile deve ritornare ad essere il presidio di riferimento del territorio per le specialità a più larga diffusione e deve diventare il riferimento di I livello per l’Hub di Sassari. Un ospedale moderno, con servizi ben strutturati ed efficienti, come noi lo immaginiamo nel futuro, non solo è in grado di garantire la salute dei cittadini ma rappresenta anche una fonte di sviluppo economico considerato che i turisti scelgono il luogo della loro vacanza anche in funzione della presenza di strutture ospedaliere ben organizzate. E, in attesa che l’Ospedale Civile sia adeguato per ospitare il reparto di ortopedia e traumatologia, chiediamo che il Sindaco Conoci ottenga il temporaneo, immediato ripristino di tali attività presso l’Ospedale Marino, ora sospese sine die, esercitando il proprio peso politico sui vertici dell’ATS affinchè l’Azienda Sanitaria ponga rimedio alle problematiche di personale e sicurezza sollevate negli ultimi mesi».

«La sorte dei due nosocomi merita certamente grande attenzione ma ciò non deve farci dimenticare che abbiamo anche un distretto sanitario in grande sofferenza, divenuto nel tempo incapace di dare risposte di salute appropriate alle richieste della popolazione. L’aumento della vita media e il conseguente cambiamento nell’assetto demografico hanno comportato un cambiamento dei bisogni a causa dell’incremento nell’incidenza di patologie croniche e della richiesta socio-assistenziale legata alla condizione di vecchiaia e solitudine. Il sistema non ha saputo seguire e fronteggiare tale cambiamento determinando un eccessivo ricorso all’ospedale, con accessi impropri al Pronto Soccorso, ricoveri inappropriati particolarmente nei reparti di medicina a causa di un Distretto completamente impreparato a dare risposte di tipo sanitario, socio-sanitario, socio assistenziale, ad una utenza sempre più affetta da patologie di tipo cronico».

Per rendere più razionale ed efficiente l’offerta sanitaria complessiva, è necessaria una gestione condivisa delle cure, con integrazione delle attività ospedaliere con quelle del territorio, secondo un modello circolare in cui gli ospedali operano in stretta relazione e collaborazione con i servizi del territorio. Ci auguriamo che il nuovo Direttore di Distretto Socio-Sanitario di Alghero, di cui si attende la nomina, abbia competenze ed esperienza tali da garantire capacità di gestione delle risorse umane, tecniche, finanziarie, per assicurare tutte quelle prestazioni sanitarie di prevenzione, diagnosi, cura, riabilitazione che la sanità del territorio dovrebbe erogare e per realizzare l’integrazione tra i diversi servizi in modo da consentire risposte coordinate e continuative ai bisogni della popolazione.
Commenti
8/4/2020
Finisce con una dichiarazione ironica l´infuocata querelle che da giorni ha coinvolto Amministrazione algherese e Regione sull´apertura-chiusura della terapia Intensiva di Alghero
8/4/2020
«Diminuiscono i soggetti in quarantena. Alla data odierna il dato si attesta a diciotto persone, rispetto alle ventuno comunicate lunedì scorso», dichiara il sindaco Mario Conoci, che fa il punto sulle attività dell’Amministrazione comunale con la Protezione civile e con le associazioni di volontariato
7/4/2020
Per sopperire all’assenza dell’attività dell’elicottero di Olbia durante il diurno , la mattina il mezzo decolla dalla base di Alghero e si sposta a Berchidda. A fine servizio, ritorna nell'aeroporto militare algherese
7/4/2020 video
«Tutte le apparecchiature saranno ripristinate, basta polemiche inutili». Senza nominare nessuno, ma infastidito chiaramente dalle polemiche divampate nelle ultime ore contro la Regione e l'Assessorato, dopo il trasferimento dei respiratori a Nuoro, il presidente del Consiglio regionale Michele Pais si rivolge direttamente agli algheresi utilizzando il canale social. «Non c´è nessun ripensamento sull'utilità del Reparto di Terapia intensiva su Alghero. Anzi, il direttore generale ne ha già disposto un piano operativo». Le sue parole piacciono al sindaco Mario Conoci, tirato in ballo pesantemente, anche lui, da molti gruppi consiliari
7/4/2020
Dopo il trasferimento dei due respiratori da Alghero a Nuoro la polemica travolge l´assessorato regionale alla Sanità ma anche il Primo cittadino non è indenne. «Non possiamo accettarlo più. Ci dicano chiaramente se dobbiamo fare da soli oppure no» dice il capogruppo dei Riformatori Sardi ad Alghero
7/4/2020
Dal reparto di Terapia intensiva di Alghero le due attrezzature questa mattina saranno portate a Nuoro dove oggi c´è più necessità. La polemica a questo punto travolge l´assessorato regionale alla Sanità
8/4/2020
L’attuale vicenda che ancora una volta vede protagonista la costituenda terapia sub intensiva dell’Ospedale Civile di Alghero ha dell’incredibile, non tanto per il trasferimento dei due ventilatori/respiratori in sé, ma per la moltitudine degli annunci, “marce indietro” e operazioni di marketing politico che la vedono coinvolta
7/4/2020
«Troppo ritardo nell´adozione del lavoro agile. E´ assurdo che l´azienda si sia fatta trovare così impreparata», dichiara Marianna Stara, componente della Segreteria regionale dell´Uilcom Sardegna, che sottolinea come l´Asl faccia i tamponi ai lavoratori in auto, davanti alla sede
8/4/2020
«Attivare la Telemedicina e facilitare l´erogazione dei presidi» è la proposta del consigliere regionale di Cambiamo! Udc, rilanciata nel corso della Commissione Sanità, riunita oggi
7/4/2020
Questa la denuncia contenuta nella missiva del segretario Territoriale Cisl Fp Antonio Monni, ed indirizzata al nuovo commissario dell´Aou di Sassari, G.M. Moro
8/4/2020
Interrogazione su servizio sanitario di emergenza tramite elicottero in Sardegna. Per immediato ripristino elisoccorso 24h per area centro-nord isola, anche per emergenza in atto
7/4/2020
Forza Italia ad Alghero rompe il silenzio e sprona pubblicamente il sindaco: «Non è più accettabile il folle gioco dell’oca che si sta facendo in relazione al Reparto di Terapia Intensiva già pronto ma che attende di essere reso operativo»
7/4/2020
Durissima la consigliera regionale Pentastellata, Carla Cuccu: «Nell´imprevista pandemia non vorremmo che si verificasse un golpe sanitario realizzando ciò che in regime ordinario non sarebbe stato possibile»
7/4/2020
Così il segretario algherese del Partito dei Sardi, Gavino Tanchis. «Confidiamo che anche per la richiesta di rendere obbligatori i Dpi ci possa essere un repentino cambio di rotta»
7/4/2020
Il sindaco di Porto Torres ha disposto nuove misure di contrasto alla diffusione del Covid-19: i dispositivi di protezione dovranno essere indossati negli esercizi commerciali e negli uffici pubblici
7/4/2020
Tre gli organi prelevati l´altra notte nel Blocco operatorio del Policlinico “Duilio Casula” di Monserrato. «Una giornata di speranza in un periodo difficile per tutti», sottolinea il direttore generale dell’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari Giorgio Sorrentino


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)