Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaLavoro › Amianto: sciopero della fame per Garau
A.S. 17 dicembre 2017 video
Amianto: sciopero della fame per Garau
Uranio impoverito, militari in sciopero della fame a Montecitorio. In prima fila anche l´algherese Tore Garau: chiedono che la competenza sulle malattie non passi all’Inail


ROMA - Da sei giorni davanti a Montecitorio chiedono di non approvare un emendamento che trasferirebbe sotto la gestione dell'Ente Nazionale degli Infortuni del Lavoro anche le problematiche di salute che riguardano il Comparto Difesa. «In silenzioso sciopero della fame per essere ascoltati»: questo il semplice cartello appeso al collo, con la determinazione di far valere i propri diritti.

Si tratta di malattie causate dall’amianto, che ha colpito centinaia di marinai sulle navi della Marina Militare italiana, aviatori, soldati, carabinieri. Ma anche degli effetti del contatto con l’uranio impoverito soprattutto da parte dei militari impegnati in missioni all’estero.

Il motivo del contendere è semplice e chiaro. Gian Piero Scanu, presidente della Commissione d’inchiesta sull’esposizione all’amianto, all’uranio impoverito e al gas radon dei militari, ha presentato un emendamento alla Legge di Bilancio 2018 in cui si modificano le norme per l’infortunio sul lavoro delle forze armate e forze dell’ordine. L’accertamento della sussistenza del nesso di causalità tra l’attività lavorativa e l’infortunio sul lavoro passerebbe dalla medicina medico-legale militare all’Inail.

Un fatto questo che mette in allarme i militari colpiti da mesoteliomi e malattie causate dall’amianto in quando la posizione dell’Inail in materia è decisamente restrittiva. Per i politici e il fatto non comporterebbe la perdita dei benefici. Di tutt'altro avviso gli ex militari che contestano totalmente la scelta reputandola pericolosa e dannosa.
Commenti

7/8/2020 video
Cortocircuito confermato. Nervi sempre più tesi in maggioranza, così le dimissioni di Stefania Salvatore dal Cda della Fondazione Alghero sono solo la punta dell´iceberg. Monica Pulina censura senza mezzi termini la posizione del presidente Delogu (Fi) e conferma la totale mancanza di collegialità. Poi l´avvertimento diretto al sindaco Conoci: non permetta più che possano succedere situazioni simili. L´intervista
23:09
Ammonta complessivamente a 650mila euro, per l’anno 2020, lo stanziamento regionale a favore dei Comuni di Siniscola e di Posada, per la ricollocazione dei lavoratori ex Legler, che verranno impiegati ai fini della prosecuzione dei cantieri verdi per l’aumento e la valorizzazione del patrimonio boschivo
6/8/2020
«Apprezziamo il senso di responsabilità dimostrato dalle organizzazioni sindacali che hanno deciso di annullare lo sciopero previsto per la giornata di giovedì 7 agosto che in piena campagna estiva avrebbe messo a rischio l’efficienza dell’attività antincendio nell’Isola», dichiara il presidente della Regione Christian Solinas a margine dell’incontro con i rappresentanti dei lavoratori del Corpo forestale della Sardegna convocato per ascoltare le rivendicazioni del settore


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)